La fionda di parole : A che titolo?

Le parole sono importanti,soprattutto quando su temi seri, o presunti tali , si mettono in atto azioni che hanno la parvenza di apparire propositivi ma che lasciano dubbi di “rilievo” . E’ quello che accaduto nella nostra redazione quando nel primo pomeriggio di venerdi 26 febbraio 2016 è giunto il comunicato stampa del candidato sindaco , Flavio Maglio.

Tema del comunicato l’incontro dell’ex assessore all’ambiente e ora candidato sindaco con il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti per “sollecitare” la realizzazione del nuovo piano della tutela delle acque, che sbloccherebbe l’annoso problema della contestatissima condotta sottomarina ,aprendo scenari nuovi e propositivi per il nostro territorio come illustrato nel convegno del 20 febbraio.

Della discarica di Castellino come già avvenuto nell’audizione del 25 febbraio us.alla regione, con novità che probabilmente anche l’assessore Santorsola e tecnici regionali , all’oscuro dell’esito che Maglio ha realizzato in tempi celeri , poche ore, con il suo componente di partito ora ministro all’ambiente, tanto da affermare :”Si è inoltre aperto il dialogo sulla possibilità di bonifica definitiva della discarica di Castellino, illustrando al Ministro ciò che essa comporterebbe, riscontrando disponibilità ed interesse ad analizzare la questione e le possibilità per risolverla”.

Insomma dai fatti noti dell’esito dell’audizione regionale a tema Castellino e la sua futura bonifica ci siamo un tantino meravigliati che l’ex assessore Maglio e il suo gruppo di riferimento , Udc, abbia preso letteralmente : Il toro per le corna e imbastito un dialogo con esiti al disopra delle più remote previsioni propositive a tal punto da credere,noi profani utenti e cittadini, che l’ex assessore all’ambiente e “papabile” sindaco sia riuscito a sbrogliare la matassa .

Quindi “sensibilizzare” il governo su problemi che , ricordiamo, anche quando lo stesso Maglio era ufficialmente assessore all’ambiente del comune di Nardò apparivano lontani e confusi, come da lui affermato : “Se siamo andati a singhiozzo decidendo cose completamente diverse da una parte e dall’altra una ragione ci sarà”  …?! (n.d.r)

Signor Maglio una ragione certamente ci sarà se questa città non ha ancora risolto problemi che durano da decenni e non crediamo a soluzioni “miracolose” per giunta in tempi celeri, tanto da ipotizzare un cambio di rotta del ministro dopo diversi incontri con il Sindaco di Nardò, l’avv. Marcello Risi come dichiarato  nel video,allegato. Quindi restiamo con i piedi per terrà e ragionevolmente realisti …Per quelli , i miracoli, ci affidiamo ai Santi ovviamente ..

Commenti chiusi