“Nodi attrattori” ….propaganda elettorale?

L’amministrazione uscente gli chiama “nodi attrattori” i musei e il centro storico ostentazione mediatica in un periodo che vede sindaco e affini in grosse difficoltà di credibilità elettorale .

Non mettiamo in dubbio che la prossima amministrazione farà tesoro di quel poco ,di buono,è stato fatto in cinque anni in cui i trenta punti programmatici della campagna elettorale 2011 ha “santificato” questa amministrazione poco incline in credibilità e progettualità .

Un caso per tutti il cattivo stato in cui versa il controllo del territorio che , notizia di ieri, ancora oggetto di atti vandalici e affini impuniti che mortificano imprenditori, cittadini e commercianti che se pur coraggiosamente vivono sulla loro pelle gli oneri di tasse e balzelli e ricambiati con servizi latitanti . Cittadini abbandonati dalle istituzioni locali che, a quanto pare , predicano bene ma razzolano male….(n.d.r)

 

Comunicato stampa del 16 marzo 2016

 

Ancora una conferma per il grande fascino e le capacità attrattive di Nardò con il suo centro storico ed i suoi contenitori culturali

Nei giorni scorsi l’Istituto Tecnico “Vilfredo Pareto” di Pozzuoli ha raggiunto la nostra Città per visitare il Museo della Memoria di Santa Maria al Bagno e il centro storico di Nardò

 

 

Ancora una volta il Museo della Memoria di Santa Maria al Bagno ed il borgo antico di Nardò risultano mete privilegiate di visite   turistiche   e culturali anche da parte di studenti e professori provenienti fa fuori Regione.

Nei giorni scorsi l‘Istituto Tecnico “Vilfredo Pareto” di Pozzuoliha raggiunto la nostra Città per visitare il Museo della Memoria di Santa Maria al Bagno e il centro storico di Nardò

I musei e i beni culturali di Nardò si confermano ancora una volta tra i principali “nodi attrattori” della nostra città. Negli ultimi mesi, infatti, sono stati centinaia gli studenti, soprattutto provenienti da fuori provincia e fuori regione, che hanno visitato il Museo della Memoria e dell’Accoglienza e l’Acquario del Salento.

Nella prima decade di marzo è stata la volta dei professori e degli studenti dell’ITG “Vilfredo Pareto” (per Geometri, Ragionieri e Grafici) di Pozzuoli, che dopo aver visitato il Museo della Memoria e dell’Accoglienza, hanno voluto conoscere il centro storico di Nardò, così come suggerito loro dal tour operator di Caserta a cui si sono rivolti per organizzare il viaggio d’istruzione.

I visitatori hanno dimostrato grande interesse per il nostro Museo ed hanno molto apprezzato i beni culturali della nostra città, in particolare il barocco di Piazza Salandra e gli inestimabili beni della Basilica Cattedrale, nella quale gli amici campani si sono un po’ sentiti a casa, per la presenza di numerose, pregevoli opere artistiche di chiara matrice napoletana.

Gli ospiti, accompagnati dal personale dell’ufficio URP del Comune, sono stati accolti dall’assessore alla Cultura Mino Natalizio, al quale hanno espresso ringraziamenti e indirizzato segni di stima per la calorosa e accoglienza durante il soggiorno neritino.

I commenti sono chiusi.