Porto Cesareo: infastidito, spara al cane della vicina con arma illegalmente detenuta, arrestato dai Carabinieri.

Porto Cesareo 6 dic:_I Carabinieri del Nucleo Operativo – Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Campi Salentina alle prime luci dell’alba sono intervenuti in Porto Cesareo a seguito di una segnalazione inerente l’esplosione di colpi di arma da fuoco.

Sul posto i militari hanno subito compreso la dinamica della vicenda, infatti, infastidito da alcuni latrati e dal comportamento vivace del cane di una vicina, un golden retriever, Carrino Fiore, classe ’55 di Porto Cesareo, agricoltore, già noto.

L’uomo ha infatti deciso alle prime luci dell’alba di “punire”, in modo molto violento, il povero animale, utilizzando un fucile cal. 16 a sua disposizione, sparando alla spalla sinistra del cane.

La padrona dell’animale, dopo aver sentito il colpo di arma da fuoco ed il lamento dell’animale, ha subito avvertito il 112. I militari appena si sono da subito adoperati per soccorrere il cane facendo anche arrivare sul posto un veterinario avvertendo il servizio sanitario; contestualmente gli stessi  si sono presentati alla porta di casa dell’uomo e, dopo aver perquisito l’abitazione, hanno rinvenuto l’arma da fuoco utilizzata, con ancora il bossolo in canna oltre ad aver rinvenuto ulteriori 69 cartucce del medesimo calibro, il tutto illegalmente detenuto.

I Carabinieri hanno dichiarato il sessantaduenne in arresto per porto abusivo di arma e munizioni, maltrattamenti di animale ed esplosione di colpi di arma da fuoco, con procedimento per direttissima che si svolgerà nella giornata odierna.

Il cane, fortunatamente, è riuscito a salvarsi nonostante il colpo di fucile gli fosse stato sparato a distanza così ravvicinata con ferita passante da parte dei pallini di piombo.

 

Lascia un commento