Mai più randagio: l’abbandono va arginato, troppi casi disumani

Nardò, 19 febbraio_Le storie di abbandono che riguardano i nostri amici animali sono sempre tristi ma alcune lo sono molto più di altre. È il caso della cagnolina trovata stamattina in uno scatolone accanto al bidone della spazzatura nella marina di Santa Caterina.
Già l’atto dell’abbandono di per sé nel 2018 ci fa rabbrividire ma in questo caso la crudeltà della modalità rasenta lo squallore e ci vergogniamo di appartenere alla stessa specie dell’essere che ha compiuto il vile gesto.

La piccola, scoperta casualmente da un operatore ecologico intento a gettare la scatola e il suo contenuto insieme agli altri rifiuti, è stata poi assistita dalle Guardie Zoofile presenti sul nostro territorio.

Attualmente è in cura presso l’ambulatorio del medico veterinario dott. D’Andria a Porto Cesareo.

Noi ci auguriamo per lei che la storia raggiunga una famiglia sensibile che la sottragga al destino del canile.

E aggiungiamo una preghiera alle diverse forze di polizia presenti sul territorio, affinché individuino e puniscano in maniera esemplare i responsabili di gesti così ignobili.

Noi continueremo a dare il nostro contributo nel supporto alle adozioni ma resta evidente che serve un’importante azione di controllo per arginare il fenomeno dell’abbandono.

Associazione Mai Più Randagio
Il direttivo

I commenti sono chiusi.