Consiglio Comunale del 31 luglio 2018. Un applauso di “disapprovazione” innesca una “bagarre” in aula – i video delle fasi pre e post “bagarre”

Nardò,1 agosto 2018_ Consiglio comunale dai toni sovradimensionati quello che si è consumato martedì 31 luglio. Per noi presenti tra il pubblico la cronaca che ci apprestiamo a raccontarvi è sopportata dalle immagini a corredo delle nostre parole.

Immagini che ricordiamo a tutti, estremi compresi, testimonianza di come questa amministrazione, minoranza inclusa, ci metta la faccia a uno spettro di pubblico ampio e dalle disparate correnti di pensiero pro o contro Mellone & Co, quindi a riprova di come i fatti vengano documentati non solo dai verbali della seduta ma anche dalle immagini in tempo reale.

Un consiglio comunale partito con tutte le buone intenzioni sino al punto sette che riguarda la lottizzazione di Torre Inserraglio. Argomento già ampiamente documentato non pochi giorni prima da un comunicato stampa comunale apparso il 28 luglio 2018 ” Piano di Lottizzazione Torre Inserraglio – L’atto di decadenza approda in consiglio comunale”e relazionato in aula dallo stesso primo cittadino

La replica della minoranza sulle dissertazioni della maggioranza non si è fatto attendere con l’intervento del consigliere di minoranza Roberto My

A conclusione del quale è seguito un applauso di “disapprovazione” da parte dell’assessore Tollemeto e dell’assessore Lupo condannato dal presidente del consiglio,Giuranna, che ha invitato gli astanti a moderare i toni che man mano prendevano forma sino a sfociare nella “bagarre”

che ha richiesto l’intervento della polizia locale e di due agenti della questura presenti tra il pubblico. Bagarre  che ha determinato la censura dei consiglieri Piccione e My e la sospensione per cinque minuti della seduta consigliare da parte del Presidente del Consiglio.

Alla ripresa della seduta le dichiarazioni del presidente del consiglio non lasciano margini di errore sulla linea del dialogo che ovviamente è venuto meno con l’abbandono dell’aula anche dei restanti consiglieri di minoranza Marinaci,componente di presidenza, Siciliano e  Falangone.

Ma i colpi di scena non finisco. Dopo una breve consultazione rientra per un intervento a replica dell’accaduto il consigliere di minoranza Siciliano.

La replica alle dichiarazioni di Siciliano che immediatamente abbandona l’aula, sono affidate ai consiglieri Verardi, Dell’Angelo Custode e  Greco. Augusto Greco  non si risparmia in una critica ferma sui fatti accaduti.

Fatti che restano gravi per un consiglio comunale che al “netto” degli argomenti trattati non crediamo che possano degenerare in atti violenti e ingiustificabili.

Per chi  volesse approfondire vi lasciamo al video integrale del consiglio comunale .

 

Commenti chiusi