Nardò: “Bracconiere” cesarino sorpreso “con le mani nel sacco” a Borgo Console

A  Nardò in  Localita “Borgo Console”,denunciato un cesarino di 60 anni sorpreso in fragranza di reato dal personale della stazione Carabinieri forestale di Gallipoli,  G. M., nato a trepuzzi (le), cl. 1958, residente a Porto Cesareo.

Il “bracconiere” cesarino è ritenuto responsabile della violazione dell’attività venatoria tramite l’ausilio di richiamo acustico a funzionamento elettronico/elettromagnetico riproducente vari versi di avifauna migratoria.

La cronaca: la pattuglia operante durante uno specifico servizio antibracconaggio nelle aree rurali del comune di Nardo’ , udiva alcuni colpi di arma da fuoco provenienti da un’area con soprassuolo caratterizzato dalla presenza di uliveti.

Il personale, avvicinatosi all’area, sorprendeva in flagranza di reato il G.M . mentre esercitava l’attività’ venatoria con l’ausilio di un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico occultato tra i rami di un albero di olivo.

Immediato il   sequestro del fucile utilizzato, delle munizioni, dell’avifauna abbattuta e del richiamo acustico elettronico in suo possesso.

Lascia un commento