ZTL E AREE PEDONALI, DA LUNEDÌ I MODULI PER LE RICHIESTE DI AUTORIZZAZIONE. Telecamere agli accessi. Fase sperimentale dall’1 febbraio, fase operativa dall’1 aprile

Nardò,5 gennaio_ Saranno disponibili da lunedì 7 gennaio i moduli per le richieste di rilascio delle autorizzazioni permanenti o temporanee/giornaliere di accesso alla zona a traffico limitato e all’area pedonale. I moduli saranno disponibili presso il Comando di Polizia Locale in via F. Crispi nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10 alle ore 12 e nella giornata di giovedì dalle ore 16:30 alle ore 17:30, oppure saranno scaricabili dal sito www.comune.nardo.le.it.

La nuova Ztl del centro storico comprende le piazze e le strade situate all’interno del perimetro formato da via Roma, via Regina Elena, piazza Umberto I, via Duca Degli Abruzzi, piazza Osanna, via Grassi, piazza Mazzini e corso Galliano (ad esclusione di piazza Cesare Battisti). La Ztl è valida in via sperimentale (7 giorni su 7 e h24) a partire da venerdì 1 febbraio, mentre da lunedì 1 aprile avrà inizio la fase operativa/sanzionatoria.

È previsto il controllo elettronico degli accessi mediante telecamere installate ai varchi di corso Garibaldi, piazza della Repubblica, via Amendola, via Don Minzoni, via Santa Lucia. Le aree pedonali all’interno della Ztl sono piazza Salandra, piazza Sant’Antonio, seconda tratta di via Pellettieri (verso piazza delle Erbe), piazza delle Erbe (queste tutte già esistenti), via Pretura Vecchia e via M. Personè (tratta compresa tra piazza La Rosa a vico Moline).

Contestualmente saranno apportate alcune modifiche alla circolazione del centro storico, con l’istituzione del doppio senso di circolazione su corso Garibaldi (nel tratto iniziale da piazza Umberto I a via Seminario), del senso unico su via Santa Sofia con immissione da via Sant’Angelo, dell’inversione del senso di circolazione su via San Bartolomeo (con nuovo senso unico di marcia da via Sorelle Marinaci a via Duca degli Abruzzi e con l’eliminazione del doppio senso di circolazione sul breve tratto di via Santa Lucia con immissione da corso Galliano e via Casale, del doppio senso di circolazione su via Conversano (con nuovo senso unico di marcia da via Cairoli e via Contessa Angela), del doppio senso di circolazione su via Papalisi (con nuovo senso unico di marcia da via Lata a via Cialdini e via Roma), dell’ingresso per residenti su via Lunga da via Roma e ultimo tratto di via Cialdini.

Tutta l’area del centro storico sarà “Zona 30” e area a ciclabilità diffusa, con limite di velocità fissato a 30 km/h e istituzione di “sensi unici eccetto bici”, cioè le strade a senso unico per i veicoli a motore che possono essere percorse in entrambi i sensi dalle biciclette. Saranno apposte barriere fisiche quali paletti o fioriere a tutela di tutti i monumenti del centro storico lungo il cui perimetro è vietata la sosta e la fermata dei veicoli a motore. I dissuasori mobili già installati su corso Vittorio Emanuele II e via Sambiasi resteranno regolarmente attivi (subordinando il rilascio del telecomando di disattivazione ai soli aventi diritto in possesso di regolare titolo autorizzativo) a protezione dell’area monumentale. Su tutta l’area del centro storico sarà vietato l’ingresso dei veicoli la cui massa complessiva a pieno carico è superiore a 1,5 t, mentre sono consentiti il libero accesso e la libera circolazione a velocipedi, veicoli al servizio di persone invalide, mezzi di soccorso e delle forze dell’ordine, mezzi per la raccolta dei rifiuti e per la pulizia delle strade, mezzi che effettuano la distribuzione della posta.

Il nuovo Regolamento per l’accesso e la circolazione dei veicoli nelle zone a traffico limitato e nelle aree pedonali, frutto anche del lavoro del consulente per il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile Cosimo Chiffi, alleggeriràcosì in modo significativo il flusso di circolazione veicolare nell’area più antica e “delicata” della città. E con l’attivazione del controllo degli accessi tramite varchi elettronici si va decisamente verso una maggiore vivibilità del centro storico e, per la prima volta, verso scelte nette a favore di pedoni e ciclisti.

Le autorizzazioni sono distinte in permanenti (oltre 90 giorni), temporanee (entro 90 giorni) e giornaliere. Il transito di attraversamento della Ztl è sempre vietato. La circolazione “autorizzata” è limitata alle vie e ai percorsi indicati nell’autorizzazione ovvero seguendo il percorso più breve all’interno della Ztl. La circolazione su aree pedonali è consentita solo negli orari di sospensione della validità e solo per il carico\scarico. Ogni targa “autorizzata” dovrà essere preventivamente inserita in una lista “bianca” ai fini del controllo degli accessi tramite varchi elettronici. Infine, non è previsto il rilascio di autorizzazioni per autofficine, autorimesse o parcheggi a uso pubblico.

Quali sono le autorizzazioni? Il tipo RES spetta ai residenti senza posto auto in area privata (limitata a due veicoli per famiglia). Il tipo DOM spetta ai cittadini dimoranti nella Ztl/Ap senza posto auto e residenti in altro comune distante oltre 20 km. Il tipo GAR1 spetta ai residenti e proprietari o utilizzatori a qualsiasi titolo di garage o posti auto su area privata oppure anche in area pubblica ma ad esclusivo utilizzo del proprio veicolo in Ztl/Ap. Il tipo GAR2 spetta ai proprietari o utilizzatori non residenti a qualsiasi titolo di garage o aree private utilizzati come zone di sosta veicolare in Ztl/Ap ma non residenti all’interno delle Ztl/Ap. Il tipo COM spetta ai titolari di esercizi per il commercio, artigiani e liberi professionisti con sedi nelle Ztl/Ap. Il tipo ART spetta alle imprese funebri, agli artigiani e alle ditte che effettuano attività di assistenza e manutenzione continuativa a domicilio del cliente (idraulici, falegnami, elettricisti, imprese di pulizia, ecc.). Il tipo LOG spetta alle imprese di autotrasporto, ai corrieri, alle imprese che effettuano servizio di consegna a domicilio. Il tipo VAL spetta agli istituti di credito, ditte che effettuano trasporto valori e istituti di vigilanza. Il tipo MED1 spetta ai medici senza ambulatorio nella Ztl/Ap mentre il MED2 ai medici con ambulatorio nella Ztl/Ap. Il tipo ASS spetta ad associazioni di volontariato che effettuano trasporto e assistenza infermieristica, ditte che forniscono pasti al domicilio degli anziani, coloro che prestano assistenza a familiari non autosufficienti. Il tipo DISABILI spetta ai veicoli al servizio di persona disabile muniti di contrassegno Cude. Il tipo B&B spetta ai titolari di alberghi e strutture ricettive aventi sede all’interno della Ztl/Ap per il rilascio ai propri clienti di permessi utili per l’accesso in Ztl/Ap. Infine, il tipo SP spetta a enti e aziende che hanno esigenze operative o di pronto intervento o svolgono compiti di carattere istituzionale (Comune, Asl, Prefettura, Diocesi, ecc.). Ognuna di queste autorizzazioni prevede limitazioni su numero di veicoli, modalità di sosta, orari e durata.

Tutti gli interessati sono invitati ad inoltrare richiesta per il rilascio delle autorizzazioni, anche perché da lunedì 1 aprile nessuna vecchia autorizzazione sarà valida.

Il controllo degli accessi, come detto, sarà automatico a mezzo dei varchi elettronici e si integrerà con quello effettuato dalla Polizia Locale.

Lascia un commento