UN ALTRO CANE ABBANDONATO, INDIVIDUATO IL PRESUNTO RESPONSABILE . È un cucciolo di cinquanta giorni, lasciato in un cartone. In azione Guardie Zoofile e PL

Nardò,6 aprile _Un altro caso di abbandono di animali a Nardò. Nei giorni scorsi un cittadino ha rinvenuto in pieno centro un cucciolo di cane di una cinquantina di giorni, abbandonato in un cartone. Ha prontamente segnalato l’accaduto alla Polizia Locale, che da prassi ha allertato le Guardie Zoofile Agriambiente che hanno avviato le attività di indagine utili all’individuazione del responsabile dell’abbandono. Anche grazie all’ausilio di telecamere e alla raccolta di informazioni rese da testimoni si è riusciti in tempi rapidi a risalire al presunto autore. Lo stesso è stato deferito all’autorità giudiziaria per il reato di abbandono di animale, punito dall’articolo 727 c.p., e per la violazione dell’articolo 544 ter della legge n. 189/04 in tema di maltrattamento di animali (l’abbandono di un cucciolo prima dei due mesi di vita rientra in questa fattispecie). Il cucciolo è stato affidato alla persona che lo ha rinvenuto e quindi ha subito trovato una casa e una famiglia.

“Sino ad ora con troppa leggerezza – commenta il consigliere delegato al Randagismo Gianluca Fedeleci si è sbarazzati di cuccioli e cani adulti nelle certezza di restare impuniti ma adesso deve essere chiaro a tutti che l’attenzione del Comune di Nardò sul fenomeno del randagismo e dell’abbandono in particolare è davvero altissima, nell’abitato come nelle periferie, e i diversi casi resi noti nelle ultime settimane sono emblematici. Ci avvarremo di tutti gli strumenti utili per scovare chi si macchia di questi vergognosi reati e inchiodarli alle loro responsabilità”.

La presenza di un nucleo di Guardie Zoofile, operative da circa dieci anni nel territorio del Comune di Nardò e su tutta la provincia di Lecce, sta consentendo di contrastare con efficacia la triste pratica dell’abbandono. Sempre più spesso infatti i responsabili vengono individuati e deferiti all’autorità giudiziaria. Cruciale anche in questo caso l’ausilio delle telecamere dei sistemi di videosorveglianza, sia pubblici che privati, che consentono di “immortalare” una serie di attività illegali che vanno dall’abbandono di animali all’abbandono dei rifiuti e alla violazione di norme in materia ambientale. Proprio sul fronte dell’abbandono, in poche settimane le Guardie Zoofile hanno individuato i presunti autori di tre abbandoni, due a Nardò e uno sul territorio del comune di Galatone. Fondamentale il sostegno operativo alle Guardie Zoofile (che hanno un accordo di collaborazione con il Comune di Nardò) da parte degli agenti di Polizia Locale del Comando di via Crispi.

Lascia un commento