Nardò: il fare e non fare … Turismo

Lascia un senso di disagio

leggendo, sulla carta stampata“la solita litania” senza capo ne coda, di chi non  riesce proprio a farsene una ragione a recepire il senso di “fare turismo”.

Fare turismo significa, promozione, pubblicità, collaborazione tra istituzioni e mondo imprenditoriale, offerta diversificata di prodotti ludici, inserendo  programmi ad hoc, ma soprattutto  una cultura votata al sapere fare, appunto, Turismo.

Se questi sono i presupposti viene facile recepire l’idea che un buon lavoro di semina ha i suoi  frutti non nell’immediato ma dopo un periodo di gestazione.

Condividiamo la presa di posizione dell’assessore al Turismo, Giuseppe Tarantino, che con una chiara ed esaustiva dichiarazione, ha ribadito che lo sviluppo turistico è  coniugare sinergie e concertazione di sforzi tra le parti interessate e l’amministrazione,  che  ha tutte le carte in regola per promuovere il territorio.

Qualcuno ha avanzato le solite dicerie: è purtroppo un malcostume radicato nelle nostre ataviche paure e che annacquano la  nostra  cultura dell’ospitare e la nostra innata creatività.

Naturalmente non entriamo nel merito dei concetti espressi da  chi non ha idee  e percorsi chiari sulla  tematica specifica, ma viene difficile capire  chi, investendo in strutture, non si sforzi di implementare il proprio e l’altrui frutto dell’investimento.

Probabilmente si dovrebbero aprire nuovi orizzonti, soprattutto potenziare  la base di coloro che devono partecipare, ovvero iniziare ad educare con corsi di formazione, seguendo itinerari già consolidati sia nell’organizzazione che nella divulgazione dei prodotti da presentare.

Non ci resta che constatare che sono necessarie le promozioni, private o collettive, anche se queste comportano degli sforzi, ma, per ben riuscire,  occorre stabilire un obbiettivo comune.

Per fare turismo con la T maiuscola, per ora,  non ci resta che aggiornarci e aumentare, attraverso un più esteso contributo di idee, i risultati conseguibili e considerare che la strada è certamente in salita.

Rimbocchiamoci le maniche ed iniziamo!!!!!!

I commenti sono chiusi.