Capoti: “Una condotta priva di etica”

Intendo ribadire con forza la mia posizione e quella de “La Città”, 

 anche per tramite del consigliere regionale Erio Congedo, di assoluta contrapposizione a questa amministrazione incapace di produrre alcunchè di positivo per Nardò, anzi capace solo di gettare la città nel degrado e nell’incuria.

E’ di tutta evidenza che eventuali atteggiamenti differenti dalla linea politica chiara e limpida espressa innanzi, nell’assoluto rispetto del mandato elettorale ricevuto dai cittadini, se messi in campo da chi ha fatto finora parte di questo gruppo e ne ha condiviso il cammino, metteranno chi dovesse porli in essere, in maniera automatica, al di fuori di questo progetto politico.

Per la stima che mi lega a Walter Mirarco, voglio invitarlo a riflettere e augurarmi che da parte sua non vi sia alcuna forma, né di indulgenza, né di appoggio, più o meno palese, nei confronti di chi non ha nessuna soluzione per la nostra città, ma è divenuto, invece, l’artefice delle innumerevoli problematiche che la affliggono.

Nei confronti di questa maniera becera di intendere la propria azione politica, da parte del Sindaco e dei suoi accoliti, basata sul mantenimento delle proprie posizioni di potere, in barba ad una qualunque forma di programmazione politica, ma fondata, invece, su maggioranze variabili, estemporanee, disomogenee e in netto contrasto con la volontà popolare,  tenute insieme dall’unico collante del tirare a campare, non è possibile dimostrare alcuna accondiscendenza, ma solo la fermezza di una contrapposizione nell’esclusivo ed immediato interesse dei nostri concittadini: quello di mandare a casa questa disastrosa amministrazione e garantire un cambio politico alla guida della città.

Oronzo Capoti

I commenti sono chiusi.