L´approvazione del piano commerciale su aree pubbliche votato dalla maggioranza è un provvedimento senza anima e vuoto sotto l´aspetto politico.
Un piano commerciale che non incide se non negativamente sulla quantità e sulla qualità del commercio.

Nel corso del dibattito in aula, durato diverse ore, è emerso che il progetto per lo spostamento dell´area mercatale del venerdi alla zona 167 è ancora in alto mare, atteso che nella nuova area mancano ancora opere strutturali come l´adeguamento della fognatura bianca e che risultano insufficienti i parcheggi finora previsti, così come emerso da una riunione intersettoriale dello scorso 30 aprile.

Per quanto riguarda lo spostamento del mercato delle Quattro Colonne al “Comparto 53”, anch’esso ripetutamente dato per imminente,  siamo ormai al 5 giugno ed ancora non è stata espletata la gara per i servizi igienici. Considerato che l´area in questione, ancorché di recente realizzazione, versa già in pessime condizioni generali di manutenzione, non è difficile prevedere uno slittamento del provvedimento alla prossima stagione. Il che, vista la tarda data odierna, sarebbe paradossalmente auspicabile per salvaguardare gli investimenti commerciali già effettuati dai commercianti che ancora non sanno quale sarà il loro destino.

Non viene minimamente disciplinato il commercio su aree demaniali e private, “regolamentato” invece da recenti sentenze del TAR a sostegno di commercianti ricorrenti contro l´Amministrazione e che coprono il pesante vuoto amministrativo (vedi vicenda Pizzo dell´Aspide).

Una delle questioni che maggiormente hanno tenuto banco è stata infine quella relativa ai fast-food, l’ubicazione dei cosiddetti “paninari”: con l´approvazione di questo piano commerciale vengono di fatto drasticamente ridimensionati i posteggi lungo il litorale, unico caso nel mondo per un territorio che voglia dare un minimo di servizio alimentare agli amanti delle passeggiate sul lungomare. Con la conseguenza che chi vorrà servirsi dai fast-food dovrà farlo, ad esempio, recandosi al Comparto 53 o forse, provocatoriamente, frequentando il lungomare di Gallipoli!
A giudicare dalla presenza di forze dell´ordine presenti in aula alla fine del dibattito, crediamo che questo piano abbia finito con lo scontentare proprio tutti.

Giuseppe Spenga
Salvatore Donadei
Adriano Muci
Oronzo Capoti

 

 

{jcomments on}

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi