19 e 20 giugno: due manifestazioni presso il Museo di Biologia Marina dell’Università del Salento‏

In occasione dell’anno internazionale della biodiversità, proclamato dalle Nazioni Unite (http://www.cbd.int/2010/welcome/), la Stazione di Biologia Marina “Pietro Parenzan” dell’Università del Salento partecipa all’organizzazione di una serie di eventi, che si protrarranno sino al 2 Luglio,

 miranti a sensibilizzare il pubblico rispetto ad una maggiore conoscenza e tutela della ricchezza in specie che caratterizza il nostro territorio. La rassegna, dal titolo “2010: Biodiversità… in pratica!”, è rivolta a tutti coloro che sono interessati ad osservare la natura da nuovi e differenti punti di vista.

Presso il Museo di Biologia Marina di Porto Cesareo (Via A. Vespucci, 13/17 – http://siba2.unisalento.it/sbm/) saranno organizzati due degli eventi.
Sabato 19 giugno, al mattino, sarà affrontato il concetto di biodiversità. Interverranno il Prof. Ferdinando Boero che relazionerà su una recente campagna di avvistamento di meduse nel bacino mediterraneo, il Prof. Genuario Belmonte che affronterà il tema della tutela della biodiversità nelle grotte marine, il Prof. Stefano Piraino che descriverà le ricerche riguardanti uno cnidario (Turritopsis nutricula McCrady, 1857) ribattezzato “la medusa immortale”, la Dott.ssa Cinzia Gravili che descriverà le problematiche legate alla colonizzazione del Mediterraneo da parte di specie sino ad oggi assenti (specie aliene). La Dott.ssa Anna Maria Miglietta introdurrà la visita al Museo, relazionando sulla storia e sul compito di questa istituzione all’interno del territorio.

Domenica 20 giugno, durante il pomeriggio, il Prof. Ferdinando Boero guiderà una discussione con alcuni artisti sul tema “arte e scienza”. Il pubblico potrà circolare all’interno del Museo tra collezioni naturalistiche ed opere d’arte quali sculture in metallo, realizzazioni pittoriche, e disegni.

La partecipazione agli eventi è libera e gratuita.

Gli ospiti interessati ad una visita guidata alle collezioni saranno organizzati in gruppi in virtù di una prenotazione telefonica da effettuare al numero del Museo: 0833 569502.

 

I commenti sono chiusi.