Dati di partecipazione straordinari e partners d’eccezione per l’EIFF 2010 a Nardò

Siamo alla III edizione dell’ EIFF (Ecologico International Film Festival) che si svolgerà dal 16 al 19 settembre del 2010 qui a Nardò, che promuove, attraverso il cinema, lo sviluppo di una coscienza ambientale. Il Cinema Indipendente, infatti, coraggiosamente testimonia da anni attraverso film e documentari, il conflittuale rapporto uomo/natura.

Il nostro obiettivo è di sensibilizzare tutti gli attori sociali a considerare il nostro pianeta come un sistema vivente.
Gli ultimi dati parlano chiaro e avvertono di una realtà, costruita con pazienza, passione e determinazione:
 
Film iscritti alla III edizione 224 di cui:
169 sono i film autoriali,
55 i film delle scuole,
20 sono i film internazionali iscritti e provengono da 15 paesi del mondo
.

Il Festival, quest’anno avrà una cornice più ampia grazie alla creatività del team di collaboratori che per tre edizioni hanno continuato a credere in questa complessa macchina ‘culturale’ allargandone, non senza difficoltà, visioni e potenzialità strutturali per il territorio salentino. Per esempio una delle chicche di quest’anno, nell’ambito dell’EIFF, è la mostra d’arte contemporanea ‘itinerante’ che già dal titolo, pone importanti riflessioni e programmi, “S_CULTURE SOSTENIBILI”, realizzata sul concept del creativo curatore Paolo Marzano.

La mostra, ha lo scopo di evidenziare il potenziale visibile e percepibile di un’arte derivante da materiali e oggetti che scelgono altri ‘cicli’ di vita per proporsi alla realtà del nostro quotidiano, secondo lingue, codici ed espressioni diverse. Notevole, dunque l’apporto divulgativo di un’arte ‘altra’, pronta ad esprimere scenari alternativi e, perché no, innovativi.

L’ossimoro concettuale realizzato dalla mostra d’arte, inserita tra antiche ed eterne dimore e la sconnessione o sovrapposizione di funzioni ‘illogiche’, degli oggetti o dei materiali, fa parte della lunga ricerca dell’autore e curatore Paolo Marzano. Il significante ‘concept’ è stato punto di contatto e d’interesse da parte di altre componenti di ricerca e studio nazionali ed internazionali come la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (NABA) e il Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie (LNN) che, con il curatore, stanno già collaborando concretamente alla riuscita di “S_CULTURE SOSTENIBILI”. Le premesse, dunque, sono entusiasmanti e promettono novità per la mostra. Le location, per l’occasione, sono scelte tra edifici signorili antichi, castelli, dimore storiche del Salento.

 Come avvertiva in un intervento televisivo già dal settembre 2008 e, in altre ricerche poi,  pubblicate, il critico d’architettura e curatore, Paolo Marzano: “Sono interessato alla creazione di luoghi che vengano interpretati finalmente come finestre affacciate sul quotidiano ‘possibile’ e che individuino il nostro spazio, rivelandone l’essenza, di naturale interfaccia. A noi, basta scegliere la responsabile opzione per passare a nuovi livelli di realtà, tutte in trasformazione”.

 Dunque, “S_CULTURE SOSTENIBILI”, procede, arricchendosi, tappa dopo tappa, raccogliendo successo ed oggetti ‘altri’, di vari artisti, fino alla conclusione che si terrà in concomitanza dell’EIFF – Ecologico International Film Festival – del 2010 a Nardò nella sua III edizione.

I commenti sono chiusi.