Front-office Università del Salento a Nardò

Comune di Nardò e Università del Salento insieme per l’orientamento e la formazione dei giovani studenti.

Al via giovedi 15 luglio prossimo l’attività dello Sportello front/office, voluto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Ateneo leccese, finalizzato ad offrire servizi di orientamento alla scelta universitaria, nonché il supporto necessario all’espletamento delle procedure amministrative in materia di test d’ingresso e di immatricolazione.
L’iniziativa andrà avanti per due giorni alla settimana – lunedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 – sino al 15 settembre, ma è nelle intenzioni dell’Amministrazione Comunale di estendere il servizio – previo accordo con l’Università – anche ad altri periodi dell’anno.
Lo Sportello front/office è ubicato nel centro storico, presso il Chiostro dei Carmelitani, in locali appositamente attrezzati e dotati del necessario collegamento in rete.
Per l’apertura dello Sportello, l’Università del Salento mette a disposizione propri tutors, che guideranno le future matricole neritine nei meandri della burocrazia universitaria. L’iniziativa nasce da una recente Convenzione stipulata tra il Comune di Nardò e l’Università del Salento e si sviluppa nel solco di quanto emerso nell’incontro di orientamento organizzato a Nardò nel maggio scorso, in collaborazione con il CORT – Centro di Orientamento e Tutorato dell’Università.
     Promotore e coordinatore dell’iniziativa il Vice Sindaco e Assessore ai Rapporti con l’Università Salvatore De Vitis, che ringrazia per la proficua collaborazione i professori Michele Campiti (delegato del Rettore per l’Orientamento) e Giorgio Metafune.
 “Questo progetto – dichiara De Vitis – rappresenta una delle tappe di un ampio percorso di collaborazione con l’Università del Salento, che l’Amministrazione Comunale sta avviando e consolidando nel tempo, attraverso programmi comuni di crescita e sviluppo culturale della nostra Città. Intendiamo privilegiare il dialogo con l’Università come principale istituzione culturale del territorio, con iniziative e progetti rivolti soprattutto ai nostri giovani, che avvertono la necessità di informarsi adeguatamente sui percorsi universitari, in vista di una scelta futura più consapevole.
Abbiamo fortemente voluto la collocazione dello Sportello nel centro storico, perché pensiamo che un’efficace politica di fruizione e rivitalizzazione del borgo antico passi anche attraverso iniziative come queste”.

 

{jcomments on}

I commenti sono chiusi.