I telefoni non sono perfetti. Questo è il problema. Per Steve Jobs la death grip, la “presa della morte” che azzera la ricezione del nuovo iPhone 4 è più che altro un caso mediatico, anzi – per usare le sue stesse parole – un vero e proprio “Antennagate”.

 

La colpa non è di Apple, che come ha ricordato il suo guru investe 100 milioni di dollari in tecnologie per il controllo di qualità con decine di camere anecoiche per le prove di ricezione, ma dei telefoni, che hanno i loro punti deboli. Anche altri dispositivi in commercio – come il Blackberry Bold 9700, l’Htc Droid, il Samsung Omnia II – presentano lo stesso inconveniente. Ma nessuno ne parla.

Uno scandalo alimentato dai media, dunque, giacché nella realtà dei fatti i clienti della Mela sono soddisfatti come non mai: solo lo 0,55% degli acquirenti ha contattato il customer care di Apple per esprimere lamentele in tal senso; e solo l’1,7% ha sfruttato la clausula offerta dell’operatore americano AT&T (che distribuisce in esclusiva il Melafonino) per avere il rimborso integrale della spesa (contro l’oltre 6% del precedente modello, l’iPhone 3GS). E poi ci sono i 3 milioni di pezzi venduti in soli 22 giorni che sono lì a dimostrare che l’iPhone 4 è il miglior prodotto Apple di sempre.

Il problema comunque c’è, e Steve Jobs non si nasconde dietro a un dito (anche perché c’è il calo delle azioni e lo spettro di una class action a mettere Apple dinnanzi alle proprie responsabilità).

E allora ecco la soluzione: una custodia gratuita offerta a tutti gli utenti che acquisteranno il telefono da qui al 30 settembre. Una soluzione che consente ad Apple di rimediare al “danno” senza rimetterci troppo (meno di 150mila dollari contro gli oltre 1,5 miliardi che sarebbero stati necessari per richiamare tutti gli iPhone finora sfornati). Chi non fosse ancora soddisfatto potrà chiedere il risarcimento completo della spesa entro 30 giorni dall’acquisto.

La tempesta è passata? Vedremo. Di certo la concorrenza sa di avere una carta in più da giocarsi. Anche Microsoft, che nel settore mobile non si può dire che se la passi benissimo, ha rialzato la testa per dare la sua personalissima stoccatina contro l’eterno rivale: “iPhone 4? Potrebbe essere il loro Vista”, ha commentato ironico Kevin Turner Cto di Redmond, rassicurando gli utenti dei prossimi Windows Phone 7: “Non dovranno certo preoccuparsi del modo in cui impugnerenno il telefono per fare una telefonata”.

Piaccia o meno, l’iPhone 4 rimane comunque lo smartphone da battere. In Italia lo vedremo dal prossimo 30 luglio, a un prezzo che verrà comunicato dagli operatori nei prossimi giorni.

 

Fonte: Panorama

 

{jcomments on}

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi