Replica al comune sulla pronuncia del TAR

Voler liquidare la questione relativa alla pronuncia sospensiva del TAR sul mercato delle Quattro Colonne declassandola ad un fatto meramente tecnico, di assegnazione o riassegnazione di posteggi, vuol dire nascondere la testa sotto la sabbia ed ostinarsi a non voler affrontare il vero problema.
Problema che è di natura commerciale e non tecnica.

 

 Se per stessa ammissione del Comune tutti i commercianti del mercatino serale, a differenza di quello domenicale diurno, hanno rifiutato il nuovo posteggio assegnatogli preferendo andarsene in altre piazze, pensano per caso i politici amministratori di Nardò di aver reso un buon servizio, di aver preso una scelta giusta e condivisa dagli operatori oppure di aver tentato un malriuscito atto di forza?

E se la concertazione su un piano commerciale non la si fa con i diretti interessati, cioè con i commercianti, il sindaco, vicesindaco ed assessore nei mesi scorsi con chi hanno parlato a Santa Maria al Bagno? La verità è che lo spostamento del mercato serale è stata una scelta politica, ma oggi nessun politico si vuole assumere le proprie responsabilità, eclissandosi dietro comode dimissioni estive e scaricando la patata bollente sugli uffici.

Alla luce di quanto accade oggi, con il risultato raggiunto che tutti sono scontenti e la questione è finita pure nelle aule giudiziarie, avevamo o no ragione noi quando chiedevamo maggiore cautela, una moratoria sui tempi di approvazione del piano commerciale, per concertare a tempo debito con i commercianti una soluzione condivisa?

Il TAR, nel chiedere “una nuova concertazione tra le parti”, ha dato ragione a quelle che l’ormai ex vicesindaco  De Vitis definì “le cicale dell’opposizione” ed ai commercianti o a chi si è approvato a maggioranza un piano in piena stagione estiva, presentandosi con le carte “a posto” per chiedere una frettolosa smobilitazione forzata fuori tempo massimo, inutile e dannosa ancor più perchè, in assenza di un cartellone di eventi estivi, che bisogno c’era e c’è ancora oggi di avere il piazzale delle Quattro Colonne inutilizzato ed inutilizzabile anche per i mesi di agosto e settembre?
 
NOI PER NARDO’

 

 

{jcomments on}

I commenti sono chiusi.