A proposito di traditore…

Stavolta sarà ambientato nell’isola di Antigua, nei Caraibi, e ruoterà attorno a una strana triangolazione. Il prossimo romanzo di John Le Carré si intitolerà Il nostro traditore tipo, sarà pubblicato da Mondadori e arriverà nelle librerie agli inizi di ottobre.

Protagonista, una giovane coppia inglese che ha da poco superato la soglia dei trenta. Lui insegna a Oxford, lei è un’arrembante avvocato: quando decidono di trascorrere un’attesissima vacanza in uno dei paradisi turistici dell’America centrale non possono certo immaginare di incrociare la loro strada con quella di Dima, un magnate russo ultramilionario che – complice una partita a tennis – non li lascerà più.

Sarà l’inizio del solito tourbillon spionistico, fatto di dossier scottanti, contatti coi servizi di Sua maestà e soffiate di ogni tipo, che ha reso Le Carré uno dei grandi narratori della letteratura di genere contemporanea.

Prima di diventare uno degli scrittori più venduti in Occidente, l’autore della Talpa ha effettivamente prestato servizio nell’intelligence di Sua Maestà.

La svolta è datata agli inizi degli anni Sessanta. Call for the dead è il primo di una ventina di romanzi che lo renderanno famoso in tutto il mondo.

 

Fonte: Panorama

 

{jcomments on}

I commenti sono chiusi.