La regione Puglia, impugna la legge sul nucleare

La Regione Puglia ha avviato ieri l’iter per impugnare la legge n. 129 del 13 agosto 2010 nella parte in cui prevede un meccanismo di intesa con le Regioni interessate 

 dagli insediamenti nucleari che appare eludere non solo il diritto degli enti territoriali all’autodeterminazione nelle scelte strategiche per il proprio territorio ma finanche il giudicato della Corte Costituzionale che, in una recente sentenza, ha ribadito “la necessità di una piena condivisione con i territori interessati all’individuazione di eventuali siti”.

“Le Regioni chiedevano un”intesa forte” mentre il Governo con un colpo di spugna ha previsto un meccanismo per avocare a sé la decisione di installare nuove centrali nucleari. – dicono dalla Regione – Orbene, il Governo centrale ha impiegato sette lunghi anni per definire le linee guida sull’installazione degli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili; è pertanto sorprendente la solerzia con la quale ha proceduto, invece, nella “scellerata” scelta di impiantare nuove centrali nucleari ricorrendo a provvedimenti legislativi approvati nel pieno caldo ferragostano”.

 La preoccupazione di Vendola, a questo punto, è  che la Puglia sia in pole position per quanto riguarda un nuovo sito.

 

 

 

Fonte: SudNews

 

{jcomments on}

I commenti sono chiusi.