Estate da dimenticare per i centauri leccesi. Venti morti sulle due ruote in meno di nove mesi. Una media da brivido: più di due al mese.

 Due virgola tre per la precisione, dal momento che settembre è solo a poco più della metà. Ieri mattina la ventesima vittima di questa strage, che almeno nel Leccese, non è eguali. Neppure nel ricordo dei più anziani.

Diego Perrone, 34 anni, piastrellista di Monteroni, ieri mattina era salito in sella alla sua moto di grossa cilindrata, per raggiungere Leverano, dov’era atteso da un fornitore. C’era il sole, e percorrere su due ruote i dieci chilometri che separano i due paesi, doveva valerne proprio la pena. E comunque sempre meglio che chiuso in un’auto. Poco fuori Monteroni, però, la morte era in agguato. Un camioncino stava svoltando a sinistra in una stradina di campagna, ma il centauro non l’ha visto. E così, quando con una semplice accelerata ha superato due auto, se l’è trovato davanti. Non deve aver fatto in tempo neppure a frenare, e si è schiantato. Sulla ruota posteriore destra.

Mezzo metro più avanti, e moto e furgone si sarebbero soltanto sfiorati. E invece, Diego Perrone è stato sbalzato dal sellone, ed è ricaduto in campagna, battendo il capo sulla nuda terra. Tempestivi i soccorritori del 118 dell’ospedale di Copertino, allertati dagli automobilisti di passaggio. Lo sfortunato piastrellista è stato rianimato sul posto ma non è servito. E’ spirato mentre gli amici, già informati della tragedia, si disperavano.

In moto, il 34enne che nel tempo libero si adoperava per la protezione civile (era appena rientrato dall’Abr uzzo), ci sapeva andare. E non era neppure uno spericolato. Ma con una moto come la sua, è facile farsi prendere la mano. E quando non è la mano a prenderti, è la velocità insita nello stesso mezz o. Ieri il piastrellista stava raggiungendo Leverano per lavoro.

Era da solo, non doveva arrivare ad un orario preciso, tanto meno doveva fare una gara. E allora? E allora, a una moto come la sua, basta dare appena gas, e la velocità c’è tutta. Ma basta un ostacolo, ed è tragedia. Proprio come è accaduto ieri mattina. Un sorpasso come tanti, ma anche un ostacolo imprevisto.

«Non dovrebbero più vendere moto veloci», ha sbottato un amico dell’ennesima vittima delle ruote. Che possa davvero bastare solo questo per evitare tanti morti, addirittura un elenco di venti nella solo provincia leccese in meno di nove mesi? Forse sì, forse no. Ma una cosa è certa. La velocità è colpevole di almeno la metà di queste morti. Basti pensare, che su venti, sei si sono schiantati in solitario, e cioè senza aver impattato con un’auto.

 

Fonte: GdM

 

 

{jcomments on}

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi