“È inconcepibile che nel XXI secolo, quando l’Italia e il resto del mondo si trovano ad affrontare gravi problematiche  

connesse al futuro e alla crescita economica, un ministro italiano, un rappresentante delle istituzioni, si conceda il lusso non solo di fare battute grevi, ma di offendere pesantemente  e impunemente un popolo e l’intero Paese”.

È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, intervenendo dopo l’infelice battuta del Ministro, Umberto Bossi sull’acrononimo SPQR (Senatus Populusque Romanus), che a suo dire dovrebbe tradursi “Sono Porci Questi Romani”.

“Bossi, da tempo – prosegue Buccoliero – ci ha abituati a parole e gesti volgari e offensivi, ma è vero che al peggio non c’è mai fine. Ogni politico, soprattutto un rappresentante delle istituzioni, non deve trascurare quel senso di responsabilità, che deve non solo verso il proprio elettorato, ma verso un territorio di cui è rappresentante. Bossi, fino a prova contraria, prima ancora di divenire Ministro della Repubblica Italiana, ha prestato un solenne giuramento, che prevede, tra l’altro, l’esercizio delle funzioni nell’interesse esclusivo della nazione, che non è composta solo dalle regioni della Lega, ma da tutta l’Italia, da Trieste al Capo di Leuca, passando per Roma, una città che ha scritto e continua a scrivere la storia del nostro Paese. Bene farebbe, il signor Bossi, a rispolverare la storia dell’Italia, a partire da quella romana. Se non ci fossero stati i romani, definiti “porci” dal leader del Carroccio, oggi non solo l’Italia, ma il resto del mondo ignorerebbe l’ordinamento giuridico.

Non si può continuare a restare inermi e indifferenti di fronte alle pubbliche offese di un Ministro, che continua ad ingiuriare il popolo e il Paese di cui dovrebbe essere garante e rappresentante. Qui non ci troviamo di fronte al figlio capriccioso, da perdonare e assecondare, ma di fronte ad un rappresentante istituzionale, che dimostra chiaramente di non avere rispetto né per se sé stesso né per il ruolo a cui è chiamato.
Berlusconi, senza ulteriori sconti – conclude Buccoliero – inviti il signor Bossi a dimettersi, restituendo alla politica quel ruolo di serietà e di rispetto che le competono”

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi