Solo il tempo dirà se il partito fondato da Fini sarà una nuova Alleanza Nazionale, come dicono i critici più bonari, oppure addirittura un “piccolo Msi”, come insinuano i più maliziosi. 

Il presidente della Camera nutre un’ambizione molto alta: costruire un Popolo della libertà de-berlusconizzato. Un punto di aggregazione dell’area moderata che per anni si è riconosciuta nella personalità dell’uomo di Arcore.

 A questa enorme riserva di consensi Fini manda un messaggio esplicito: abbandonate Berlusconi, un leader ormai al termine della sua parabola, e riconoscetevi nel nuovo centrodestra che io guiderò sulla base di principi sicuri (rispetto delle istituzioni e della magistratura, legalità, confronto politico con l’opposizione ma niente “ribaltoni”). Un’altra destra, non più succube della Lega, e votata a difendere i valori dell’unità nazionale.

 Queste sono le intenzioni. Ed è possibile che la nascita del nuovo partito sia stata accelerata dal sentore di elezioni anticipate che si avverte nell’aria. Ora però cominciano i problemi. In primo luogo c’è l’equivoco di una formazione che si pretende “terza gamba” della maggioranza e che in realtà è il prodotto, non di un patto politico con Berlusconi e Bossi, bensì di una frattura profonda e non sanata. È una contraddizione destinata presto a esplodere, probabilmente sui temi della giustizia.

Per cui i richiami dei finiani al governo in carica che “completerà la legislatura” fanno parte di un gioco tattico fin troppo scoperto. La volontà ovvia è quella di non scottarsi le dita facendosi accusare da Berlusconi come responsabili dello scioglimento delle Camere. Ma è difficile fare una frittata senza rompere le uova. L’ambizione di un nuovo centrodestra post-berlusconiano presuppone lo scontro definitivo e di fatto ravvicinato con il premier.

Il problema cruciale riguarda comunque la legge elettorale. Con il modello attuale la vita del partito di Fini sarà incerta. Andare da solo è un rischio, aggregarsi ad altre forze del centro (Casini) toglie a “Futuro e Libertà” la sua identità specifica che vuole esser laica. E in fondo il presidente della Camera parla come futuro leader del polo moderato, piuttosto che come aspirante co-leader di un problematico “terzo polo”. Tuttavia senza una nuova legge elettorale questi progetti restano precari. Ecco perché i finiani sono i più strenui fautori della riforma. Ma al momento non sanno come far quadrare il cerchio.
Cambiare governo per ottenere la modifica della legge è un azzardo assoluto. Richiede il rovesciamento delle alleanze e nemmeno così ci sarebbe la certezza del risultato. Fini rischierebbe di compromettere la sua immagine e di ritrovarsi, magari, con una riforma insoddisfacente, visto che nel centrosinistra c’è grande confusione su quali correttivi apportare al testo Calderoli.

L’altra ipotesi è ancora più complicata. Si tratta di tentare la riforma con una maggioranza trasversale che prende forma con un “blitz” in Parlamento e vota la nuova legge senza far cadere il governo in carica. L’argomento è che il modello elettorale è fuori dagli accordi di programma del centrodestra. Ma davvero Berlusconi e Bossi resterebbero a guardare senza reagire?

Tenterebbero senza dubbio di rovesciare il tavolo. E a quel punto la speranza di Fini è che un gruppo di deputati e senatori, timorosi di non essere rieletti, abbandonino il campo del Pdl e passino con “Futuro e Libertà” (o con Casini, in qualche caso). Sarebbe, certo, una svolta clamorosa. Ma non sappiamo quanto probabile. Di sicuro per ora c’è solo che Fini ha giocato le sue carte con un coraggio al limite della temerarietà.

 

Fonte: IlSole24Ore

 

{jcomments on}

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi