Il Pd gioca d’anticipo nella corsa agli impianti da fonti rinnovabili e lancia la proposta di una legge quadro sulle energie per la Puglia da portare in consiglio regionale nelle prossime settimane.

 

Domani, infatti, l’assise regionale discuterà il ddl proposto dalla giunta che modifica le norme sulla valutazione d’impatto ambientale per gli impianti eolici e fotovoltaici, ma l’ambizione dei Democratici è di andare oltre, prevedendo agevolazioni per famiglie e agricoltori onde consentire la produzione «in proprio» di energia e mettendo un paletto sugli abusi che in tutto il territorio si stanno consumando sventolando la bandiera dell’energia pulita.

Oggi il segretario regionale del Pd, Sergio Blasi, ha fissato una riunione con i segretari provinciali del partito, l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone, i consiglieri regionali e alcuni parlamentari (tra i quali il brindisino Salvatore Tomaselli): l’obiettivo è metter a punto una legge «omnibus» su tutta la materia energetica ottemperando all’adeguamento della Puglia alle nuove linee guida nazionali varate dal governo.

Tra i punti cardine della proposta, le agevolazioni mirate verso le famiglie che vogliano dotarsi di mini impianti sui loro tetti (pochi giorni orsono il presidente Vendola ha lanciato la campagna «un pannello su ogni tetto») e le facilitazioni normative per gli agricoltori che intendano realizzare impianti integrati su serre in grado di preservare le produzioni agricole. «ll piano regionale di energie da fonti rinnovabili, negli ultimi anni , ha portato enormi vantaggi ai grandi investitori – spiega Blasi – ma con scarse ricadute positive sulle comunità locali.

Di qui la duplice scelta di tutelare gli agricoltori da una parte e le famiglie dall’altra». Troppi, negli ultimi anni, gli affitti «facili» di campi devastati dagli incendi (e dunque resi non coltivabili) onde entrare nel business dell’eco-energia. «Nella nostra pdl – sottolinea Blasi – scriveremo che non sarà possibile costruire impianti laddove negli ultimi anni ci siano stati svellimenti di piantagioni o incendi, né che sarà possibile far sorgere impianti al posto di coltivazioni esistenti. Dobbiamo da un lato tutelare il nostro territorio e dall’altro rendere possibile il progetto che ogni famiglia ed ogni impianto industriale possa essere energeticamente autosufficiente».

Non solo, l’autoproduzione energetica (che sarà, comunque, sempre soggetta alla Via per impianti di almeno 1 megawatt, come prevedono le modifiche che saranno approvate domani in Aula) dovrà essere incentivata con un Fondo di dotazione, finanziato da una parte delle «misure di compensazione e di riequilibrio ambientale» contenute nelle linee guida nazionali. «Ricordo che quelle misure equivalgono a milioni di euro, una cospicua percentuale – spiega Blasi – può essere destinata al Fondo in favore di imprese e famiglie per l’installazione di mini-impianti».

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi