Salviamo il Mignano di via Lata

Osservando il dissesto in via lata, è evidente lo stato di degrado dell’edificio, ma vorrei porre l’attenzione su un particolare, infatti, spero che qualcuno abbia notato e abbia coscienza di salvare o smontare il mignano per preservarlo prima del crollo. Il rischio di vederlo fatto a pezzi è grande. Sta per cedere e le lesioni parlano chiaro.

 Non dimentichiamo che Nardò è conosciuta nella storia anche per un’eleganza urbana data proprio da particolari storici strutturali di arredo urbano come ‘portali’ e ‘mignani’ di straordinaria preziosità. Nella situazione in cui siamo, con un assurda situazione di bilancio, purtroppo temo che questa strada rimanga così per molto molto tempo. Il degrado visivo, la circolazione delle persone, il commercio riceveranno, se non si corre subito ai ripari, l’ennesimo danno.

Il traffico, a questo punto, dovrebbe essere limitato per non arrecare troppi frequenti pesi dinamici e forti vibrazioni nei pressi di altre arterie storiche nei pressi delle quali insistono altre facciate degli edifici più deboli e sensibili ( in centro ce ne sono diversi in queste condizioni).

Lascio ai tecnici la soluzione del grave dissesto, ma che diventi monito di fenomeni che appartengono fisiologicamente a questa città in modo particolare e che andrebbero supervisionati e gestiti da un ufficio creato per questo scopo.

L’Osservatorio insiste su indagini del sottosuolo e di poter lavere, appena pronta, la relazione tecnica di questo caso, per comprendere le cause del dissesto e le ipotesi che si possono fare sulla situazione sotterranea, visto che la soletta di cemento non permetterà più di comprenderne le dinamiche.

 Per cui cerchiamo di salvare quanto prima il mignano o ciò che ne rimane perchè è parte integrante della nostra storia.Auspico inoltre un preciso e immediato ripristino del luoghi in quanto di notevole pregio architettonico e paesaggistico, nonchè la restituzione della strada a mezzi e persone.

Paolo Marzano responsabile dell’ Osservatorio sulla città – Nardò (Le)

I commenti sono chiusi.