L’ “ascolto” del Commissario Prefettizio (foto)

Ieri mattina al Comune di Nardò, alle ore 11 del 26/10/2010, un incontro di una delegazione di rappresentati neritini della società civile che in questi anni hanno letteralmente combattuto contro l’indifferenza 

e la mala gestione della cosa pubblica, distinguendosi e dimostrando con passione e abnegazione, ‘mettendoci la faccia’ come direbbe qualcuno, nell’intento di portare avanti il bisogno di cambiamento nella visione della città.

I loro continui interventi sulla stampa hanno dimostrato come sia diventata degradata e sempre più pericolosa la situazione viaria cittadina. Un’emergenza evidenziata dagli ultimi acquazzoni che hanno messo a rischio in molti casi l’incolumità pubblica.

 Il Commissario prefettizio Giovanni D’Onofrio, continuando a porsi in ‘ascolto’ della città, ha voluto incontrare una delegazione di cittadini ‘attivi’, per comprendere le varie problematiche, direttamente da chi è a contatto stretto con la gente e con l’urbano.

Il gruppo era formata da Walter Gabellone presidente dell’associazione “Alla Conquista della vita” per le vittime della strada, l’Osservatorio sulla città con il suo responsabile Paolo Marzano, il Movimento Cento Passi di Alfredo Ronzino, Angelo Balducci per il Comitato Cittadino per la sicurezza e l’igiene della contrada Pagani e alcuni cittadini. (Era presente anche l’associazione Amici Museo di Porta Falsa con il Piccolo Teatro di Nardò. ndr)

Le istanze accolte dal Commissario prefettizio Giovanni D’Onofrio sono una premessa ad una maggiore collaborazione delle associazioni attive sul territorio che in questi lunghi anni non hanno avuto possibilità di confronto con le istituzioni con gli organi di gestione della cosa pubblica.

Il Commissario perciò auspica e tenterà in tutti i modi possibili di attivare quei collegamenti tra associazionismo ‘attivo’ sul territorio e organi istituzionali, cercando di venire incontro alle necessità urgenti della città. La situazione è veramente grave per ovvi motivi derivati dal “Patto di Stabilità”, ma ha assicurato che da parte sua, l’impegno sarà totale. 

 

{jcomments on}

I commenti sono chiusi.