Nei giorni scorsi gli organi di stampa hanno messo in evidenza una nuova emergenza che va affrontata con la massima urgenza e cioè il radon, un gas radioattivo di origine geologica presente in natura in modo diffuso. Si concentra in spazi chiusi come grotte, scantinati, tavernette, interrati, seminterrati, ecc..

 La presenza di radioattivita’ legata a questo gas, se superiore al limite fissato in 500Bq per metro cubo, può provocare il cancro ai polmoni.
Sarebbe pertanto auspicabile recepire nel nostro Regolamento Edilizio, nelle more dell’adozione del PUG che a questo punto dovrà prevedere una norma generale per la mitigazione del rischio sanitario radon nelle norme tecniche di attuazione ed una norma tecnica nel Regolamento Edilizio Comunale, la raccomandazione tecnica applicativa dell’Istituto Superiore di Sanita’ che prevede:

1) per la progettazione di tutti i nuovi edifici, semplici ed economici accorgimenti costruttivi finalizzati alla riduzione dell’ingresso di gas radon;
2) di facilitare, e quindi rendere più efficace, l’installazione di sistemi di rimozione del radon che si rendessero necessari successivamente alla costruzione dell’edificio;
3) analoghe prescrizioni vanno adottate per i lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria che coinvolgono in modo significativo le parti a contatto con il terreno (attacco a terra).

In ogni caso gli accorgimenti utilizzati vanno sottoposti a parere della competente ASL.
E’ appena il caso di evidenziare come gli esperti suggeriscano che intervenire prima della costruzione di un edificio sia una cosa semplice, dopo, invece, il risanamento diventa complesso ed oneroso. I possibili rimedi vanno, infatti, dalla costruzione di pozzetti collegati a un sistema di areazione dei vespai di sottofondo, fino all’immissione di aria in sovrapressione per scongiurare la stagnazione di gas radon.
Ad ogni modo sono sicuro che S.E. Giovanni D’Onofrio, vista la necessita’ di affrontare con solerzia la questione, impegnerà il settore Urbanistica e Ambiente affinché vengano predisposti gli atti necessari a prevenire il pericolo per la salute pubblica che potrebbe essere causato dal pericoloso gas radon.

Noi per Nardo’ 

 

{jcomments on}

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi