Su 3.349 minori fuori famiglia censiti dai comuni pugliesi al 31 dicembre del 2009 sono 633 gli stranieri, con una variazione rispetto al 2007 in crescita e pari al 48,9 per cento, mentre il dato totale fa segnare il più 4,9 per cento. Sono alcuni dei dati contenuti nel secondo rapporto regionale sui minori fuori famiglia, presentato oggi a Bari nel convegno sul “Sostegno alle responsabilità familiari e minori fuori famiglia”. La Puglia è la prima regione che pubblica i dati del 2009.

 

Una presenza di minori stranieri (erano 598 a fine 2008) molto forte spiega quasi esclusivamente l’incremento complessivo di minori fuori famiglia tra il 2007 e lo scorso anno mentre – è stato spiegato nella conferenza – la popolazione minorile residente in Puglia ha registrato un decremento del 2,3 per cento. Tra il 2008 ed il 2009 la riduzione maggiore si è registrata (per stranieri e non) nelle province di Foggia e Taranto, mentre la crescita maggiore c’è stata per i minori italiani nella provincia di Bari e per gli stranieri in quella di Lecce.

L’incidenza dell’affido familiare è ancora inferiore al 50 per cento e si è attestata al 43,3. Inoltre per la prima volta nel 2009 si registra una riduzione delle prese in carico in comunità socio educative residenziali per i minori pugliesi (meno 1 per cento); in crescita, invece del 5,7 per cento per gli stranieri.

VENDOLA: SALTO QUALITA’ POLITICHE SOCIALI
“Stiamo cercando di diventare un posto civile; non lo eravamo, ma il salto di qualità nelle politiche sociali lo abbiamo fatto con un investimento senza precedenti in termini di infrastrutturazione sociale”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenendo alla conferenza ‘Dinamiche del welfare pugliese e politiche regionali per i minori fuori famiglia’, tenuta oggi a Bari in occasione della Giornata internazionale per l’Infanzia.

“Il welfare è oggi un pezzo importante del prodotto interno lordo regionale. Siamo passati – ha aggiunto l’assessore regionale al Welfare, Elena Gentile – da un’idea molto medievale che si concretizzava nella monetizzazione del bisogno offrendo risposte di compassione e carità, ad una sistema che invece ha realizzato una rete importante di infrastrutture distribuita sull’intero territorio. Una rete diffusa, robusta di servizi, con standard all’avanguardia nell’intera Italia. Un sistema integrato che privilegia la qualità dell’offerta di servizi”.

“Con il nostro sistema di welfare abbiamo aperto un nuovo mercato del lavoro. Mi riferisco – ha spiegato Gentile – a 6000 nuovi operatori socio sanitari, a ben 4500 lavoratori riqualificati ed offerti alla nuova rete dei servizi. Una platea che a regime occuperà più di 10mila lavoratori. Le criticità sono invece tutte dentro la politica nazionale: il taglio del 75 per cento del Fondo sociale, l’azzeramento dei capitolo per la non autosufficienza e delle risorse per il sostegno alla lotta contro la violenza su donne e minori rischiano poi di far mancare, in questo momento in cui il welfare pugliese decolla, il sostegno economico-finanziario per la gestione”.

“In questi anni però – ha concluso – abbiamo capitalizzato un pò di risorse e saremo in grado di mantenere i livelli sino al 2012. Il governo regionale si impegnerà a sostenere questo percorso e nell’agenda politica della giunta il welfare occupa una postazione di tutto rilievo”.

 

 

Fonte: GdM

{jcomments on}

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi