Il Commissario Prefettizio costituisca un gruppo di lavoro, attingendo dalle risorse professionali interne, che contribuisca ad evidenziare il carattere di eccezionalita’ del valore e dell’importanza dell’arte barocca nella nostra Citta’.  Questo, con l’obiettivo di produrre un dossier particolareggiato che dovrà aggiungersi a quello degli altri territori interessati, da sottoporre alla valutazione dell’Unesco.

 Nel 2006, infatti, dall’Unesco e’ stata richiesta alla Provincia di Lecce la documentazione necessaria per valutare la candidatura del Barocco Leccese e Salentino quale possibile sito da inserire nella Lista del Patrimonio Mondiale tutelato dall’Organismo delle Nazioni Unite.

Circa sei anni fa, il Comune di Lecce aveva avanzato tale proposta che, grazie anche alla meritoria azione del Centro Internazionale di Studi sul Barocco, si era deciso di estendere alla provincia anche se, in un secondo momento, il tutto è stato circoscritto ai Comuni di Nardo’, Galatina e Gallipoli, con naturalmente Lecce capofila  dell’operazione.    

                                                                                                       
La forma artistica ed architettonica, da tutelare, preannunciata nel XVI secolo e  sviluppatasi nel XVII e XVIII secolo in molti centri salentini, si presenta come uno dei modelli artistico – architettonici più “interessanti” d’Italia, tanto che si aggettiva per identificare l’area.

La testimonianza dell’arte barocca, oltre ai manufatti religiosi e nobili, e grazie soprattutto alla presenza in loco della “pietra leccese” che per le sue caratteristiche ben si adattava ad essere lavorata dagli “scalpellini”, ha interessato anche l’architettura privata, permettendo di “plasmare” l’immagine di interi paesi che oggi, per questo, sono meta di migliaia di turisti.
Rientrare  tra i siti UNESCO sarebbe quindi un giusto riconoscimento, nonché un formidabile biglietto da visita internazionale che consentirebbe alle Citta’ barocche, definite territorialmente ai fini della candidatura e cioè  Lecce, Nardo’, Galatina e  Gallipoli, di implementare il già ricco flusso turistico e la possibilità di fare sistema, sotto l’egida di questa valenza architettonica.
Siamo consapevoli che si tratta di un iter lungo e complesso, ma con una forte convergenza da parte di tutte le Istituzioni interessate e per questo chiediamo a S.E. di farsi promotore anche presso le altre municipalità coinvolte affinché siano accelerate le pratiche di competenza, l’importante obiettivo può essere portato a compimento.

Noi X Nardo’

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi