L’unica soluzione adottata dai nostri amministratori è riversare sui cittadini inefficienze e carenze gestionali e strutturali del ciclo di raccolta e smaltimento rifiuti. Così come da tempo e più volte Federconsumatori ha sollecitato i soggetti interessati alla costituzione di un tavolo tecnico per affrontare le problematiche connesse a gestione, produzione e smaltimento dei rifiuti. 

 

E soprattutto per discutere degli altissimi costi che ricadono sui cittadini. Oggi più che mai è necessario adottare strategie che portino all’azzeramento della produzione dei rifiuti. Come è indispensabile l’adozione della TIA come tariffa puntuale che tende a far pagare chi produce il rifiuto, anche con l’introduzione di premialità per il cittadino virtuoso. Più volte Federconsumatori ha chiesto di essere ascoltata, proponendo anche delle linee-guida per una strategia veramente efficace sul territorio.

Proposte che hanno dato vita anche a un un documento redatto in collaborazione con il Forum ambiente Salute, il coordinamento civico e l’associazione Gaia, nell’ambito della Conferenza tavolo-tecnico indetta dalla Regione Puglia. Del tutto inascoltati dobbiamo invece assistere ai continui e indiscriminati aumenti della TARSU, già strutturalmente inadeguata, iniqua e completamente avulsa dalla effettiva produzione del rifiuto, poiché l’unica soluzione del problema adottata dai nostri amministratori è riversare esclusivamente sui cittadini le inefficienze e carenze gestionali e strutturali del ciclo di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Assistiamo, attraverso i nostri sportelli, a numerosissime lamentele dei cittadini esasperati. Il coinvolgimento delle parti sociali, a lungo richiesto e proposto, come sempre rimane ad oggi disatteso e inascoltato, nonostante il pubblico annuncio anche dell’assessore Macculi di convocare quanto prima il tavolo tecnico, reiterato a più riprese sin dal convegno sul tema organizzato da Federconsumatori il 18 febbraio 2011. Ancora una volta la parte veramente interessata, perché paga il servizio, rimane esclusa ed emarginata dalle stanze in cui si discutono gli “affari” che la riguardano!

E mentre le tariffe vengono anche adeguate all’inflazione, che dire di chi non ha neanche lo stipendio da adeguare all’inflazione? Ancora una volta chiediamo il coinvolgimento e la partecipazione delle parti sociali nei processi decisionali, perché i nostri amministratori, a tutti i livelli, devono ricordarsi ciò che sempre dimenticano, e cioè che democrazia è partecipazione!

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Puoi liberamente fornire, rifiutare o revocare il tuo consenso senza incorrere in limitazioni sostanziali e modificare le tue preferenze relative agli annunci pubblicitari in qualsiasi momento accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie. Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie o altri identificatori ovvero di accettare le eventuali preferenze che hai selezionato, cliccando sul pulsante accetta o chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i Cookies piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per ricordare le attività e le preferenze scelte da voi e dal vostro browser.

In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e forniscono dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Tuttavia è possibile disabilitare i cookie direttamente dal browser così come indicato di seguito.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Microsoft Internet Explorer
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale, quindi ‘Opzioni Internet’
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Scegliere il livello di sicurezza dei cookie


Firefox
1. Selezionare “Strumenti” dalla barra delle applicazioni principale e in seguito “Opzioni”
2. Cliccare sulla scheda ‘Privacy’
3. Nella sezione “Cookie” deselezionare la casella “Accetta i cookie dai siti”


Google Chrome
1. Cliccare sull’icona della chiave e selezionare “Impostazioni”
2. Cliccare sul link “Mostra impostazioni avanzate”
3. Cliccare sul pulsante “Impostazioni dei contenuti” sotto ‘Privacy’
4. Modificare l’impostazione dei cookie: ‘Impedisci ai siti di impostare dati’
5. Cliccare sul pulsante ‘OK’


Opera
1. Selezionare “Impostazioni” nella barra delle applicazioni principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare su ‘Avanzate’ e selezionare “Cookie”
3. Cliccare su ‘Non accettare mai i cookie’
4. Cliccare ‘OK’


Safari
1. Cliccare il pulsante ‘Strumenti’ dalla barra principale e selezionare “Preferenze”
2. Cliccare ‘Sicurezza’
3. Nella sezione ‘Accetta Cookie “, cliccare su ‘Mai ‘
4. Chiudere la finestra


Se il vostro Browser non è presente in questa pagina è possibile consultare il sito aboutcookies.org, che offre una guida per tutti i browser moderni.

Chiudi