Maro’: India evoca attenuante buona fede

Il ministro degli esteri indiano Salman Kurshid ha oggi ricordato che nella legge indiana esiste ” un’attenuante molto cruciale, quella della buona fede”,

parlando con alcune agenzie italiane a Mosca sulla vicenda dei marò. “Se uno agisce in buona fede – ha sottolineato – non c’é colpevolezza penale”.
Salman Kurshid ha auspicato anche che la collega Emma Bonino “venga informata a breve adeguatamente” sul caso dei marò e che “possa metterlo nella giusta prospettiva per andare avanti” considerando fugati i dubbi sull’eventualità di una pena di morte.(Ansa)

I commenti sono chiusi.