Maro’: stampa India, Nia? “Governo si e’ cacciato in un impiccio”

(AGI) – New Delhi, 27 gen. – Il governo indiano si e’ cacciato in un impiccio affidando il caso dei maro’ alla Nia, l’Agenzia Nazionale d’Investigazione: lo sostiene una fonte del ministero dell’Interno indiano, che parlando con l’Hindustan Times esplicita le difficolta’ del governo di New Delhi nella gestione del caso, difficolta’ evidenziate dai ritardi dell’inizio del processo ai due fucilieri del battaglione San Marco. “Quando si discute la questione del processo ai due maro’ italiani e i problemi inerenti al caso, perdiamo solo tempo”, ha riferito al quotidiano la fonte anonima del ministero dell’Interno che ha partecipato a molte riunioni sulla vicenda. Il funzionario ammette che il ministero dell’Interno si e’ infilato in un pasticcio proprio all’inizio della vicenda, quando ha assegnato il caso alla Nia, agenzia specializzata in attacchi terroristici creata sulla scia degli attentati di Mumbai del 2011, che puo’ applicare il Sua Act, che prevede la pena di morte in caso di omicidio.

 

“La Corte Suprema voleva che il caso fosse affidato a una qualsiasi altra agenzia federale”, prosegue la fonte. E persino i funzionari della Nia “non furono contenti della decisione del ministero e avrebbero voluto che il caso fosse affidato a un’altra agenzia”.

I commenti sono chiusi.