Brexit, c’è aria di pentimento . Un sondaggio ha mostrato che il 51 per cento degli britannici è ora contro il “divorzio” dall’UE

I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all’addio all’Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti è il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016.

Questo è quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.  Il partito laburista britannico, tuttavia, respinge l’idea di un secondo referendum sulla Brexit.

Lo ha confermato la ministra degli Interni ombra, Diane Abbott. La deputata labour ha detto che il volere dei britannici sarà espresso attraverso il Parlamento di Westminster e saranno i rappresentanti degli elettori a votare su qualsiasi tipo di intesa raggiunta con l’Ue.

Boris Johnson noto per le sue posizioni euroscettiche, afferma in una intervista sul Sunday Times che dopo il divorzio il regno dovrà avere piena libertà di introdurre sue leggi e regolamenti e di non essere quindi vincolato dall’intesa futura con Bruxelles.

ATS/ANSA/sdr

I commenti sono chiusi.