A Taranto 40%tumori da amianto di Puglia Contramianto, dati da brivido dal 1993 al 2015

(ANSA) – TARANTO, 15 MAR – “Sono 472 i casi di mesotelioma, il tumore associato soprattutto all’esposizione dell’amianto, registrati tra i residenti a Taranto nel periodo 1993-2015”. Lo sottolinea il presidente di Contramianto onlus, Luciano Carleo, citando dati del Registro Mesotelioma Puglia, definiti “da brivido, che vedono purtroppo – aggiunge – ancora una volta il capoluogo ionico capofila” per le patologie causate dall’amianto in Puglia.

Complessivamente in Puglia nei 23 anni del rapporto sono stati “censiti – precisa Carleo – 1191 casi di mesotelioma e di questi il 40% a Taranto. Dei 472 casi registrati a Taranto, con esposizione ricostruita, oltre il 70% sono legati al lavoro e i rimanenti equamente distribuiti tra non ‘occupazionali’ o di origine improbabile o ignota”.

La correlazione amianto-malattie, sostiene Carleo, “rappresenta un problema di sanità pubblica, come puntualmente denunciato da Contramianto, che andrebbe adeguatamente affrontato sul territorio con un programma gratuito di sorveglianza sanitaria”.

I commenti sono chiusi.