NEL CENTRO STORICO DAGLI ACCESSI VIETATI PER ELUDERE LE TELECAMERE, MULTATI IN 30 Operazione della Polizia Locale nel weekend per contrastare i furbetti della Ztl

Nardò, 24 settembre _ Per eludere gli “occhi elettronici” ai varchi d’ingresso della zona a traffico limitato del centro storico, accedevano dai passaggi vietati in palese violazione della segnaletica e del regolamento della Ztl. Costituendo inoltre un motivo di rischio per la sicurezza di automobilisti autorizzati, ciclisti e pedoni. Gli agenti del Comando di Polizia Locale nello scorso weekend ne hanno individuati e multati una trentina, bilancio di un’operazione finalizzata al controllo di tutti gli accessi e le soste non consentite in area Ztl e che è stata messa a punto dopo le numerose segnalazioni di residenti e frequentatori della zona antica della città. Gli uomini agli ordini del comandante Cosimo Tarantino hanno provveduto a verificare gli ingressi di tutte le vie (sia quelli regolati dalle telecamere che quelli vietati) che intersecano il perimetro esterno al centro storico accertando una trentina di infrazioni ed elevando altrettanti verbali di contestazione, per un totale di circa 2400 euro. Sono stati accertati sia ingressi di veicoli non autorizzati dai varchi controllati dalle telecamere, sia ingressi da varchi con divieto di accesso (e comunque di veicoli non autorizzati). Com’è noto, il controllo effettuato dalla Polizia Locale si integra con quello automatico a mezzo dei varchi elettronici.

I controlli sono stati eseguiti principalmente lungo via Santa Lucia, via Fanti (intersezione con via F.lli Gabellone e via Isonzo), via Sorelle Marinaci, via Spinelli, via Papalisi (intersezione con via Roma), via Ingusci e altre ancora. Il comandante Cosimo Tarantino assicura che le verifiche proseguiranno nei prossimi giorni al fine di garantire e consentire l’accesso al centro storico solo ed esclusivamente ai soggetti che ne hanno diritto.

“L’attivazione della Ztl – spiega l’assessore alla Polizia Locale e al Centro Storico Bernaddetta Mariniserve a proteggere il centro storico dalla eccessiva presenza di autovetture, fatti salvi i diritti dei residenti, di chi ci lavora e di chi ha altre fondate esigenze, temporanee o meno. Noi abbiamo bisogno di continuare su questo percorso, individuando e sanzionando i furbetti che dimostrano di avere uno scarsissimo senso civico. Indietro non si torna, nonostante qualcuno pensi di potersi fare beffe delle regole”.

La Ztl del centro storico comprende le piazze e le strade situate all’interno del perimetro formato da via Roma, via Regina Elena, piazza Umberto I, via Duca Degli Abruzzi, piazza Osanna, via Grassi, piazza Mazzini e corso Galliano (ad esclusione di piazza Cesare Battisti). La Ztl è valida 7 giorni su 7 e h24, salvo le previsioni del regolamento per specifiche categorie di utenti. È previsto il controllo elettronico degli accessi mediante telecamere installate ai varchi di corso Garibaldi, piazza della Repubblica, via Amendola, via Don Minzoni, via Santa Lucia. Le aree pedonali all’interno della Ztl sono piazza Salandra, piazza Sant’Antonio, seconda tratta di via Pellettieri (verso piazza delle Erbe), piazza delle Erbe, via Pretura Vecchia e via M. Personè (tratta compresa tra piazza La Rosa a vico Moline).

I commenti sono chiusi.