Il Generale C.A. Giuseppe Vicanolo, neritino, è il nuovo comandante in seconda della Guardia di Finanza -video

Si è svolta lunedì 16 novembre 2020 , presso la Caserma “Piave” del Comando Generale a Roma, la cerimonia di avvicendamento nella carica di Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, tra il Generale di Corpo d’Armata Edoardo Valente e il Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Vicanolo .

Alla cerimonia che si è tenuta alla presenza del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana, hanno partecipato i Vertici del Corpo e una rappresentanza di Ufficiali, Ispettori, Sovrintendenti, Appuntati e Finanzieri in forza al Comando Generale.

La notizia del Generale Giuseppe Vicanolo ha inorgoglito una città, che annovera un neretino doc Giuseppe Vicanolo assurgere alla seconda carica più alta del corpo della Guardia di Finanza. Un Generale di Corpo d’Armata che fece luccicare la greca e le stellette nel teatro comunale di Nardò, sotto i riflettori di INSPIRE la manifestazione culturale ideata e lanciata da Gabriele Durante -spin doctor_ della comunicazione digitale e dall’allora Presidente del Rotary Avv. Vincenzo Candido Renna.

La partecipazione alla Kermesse culturale dell’alto ufficiale per la prima volta nella sua Nardò, la città dove è nato e ha studiato sino alla maturità e in cui ritorna a trascorrere le vacanze e a riabbracciare i suoi parenti, ha consentito a molti di noi di conoscere e apprezzare le qualità umane e professionali di un personaggio di cui tante volte si è letto il nome e cognome sui giornali in relazione a grandi operazioni di polizia tributaria ovvero a premi e riconoscimenti conquistati sul campo. Ma sul palcoscenico del Teatro Comunale oltre le stelle della divisa ad illuminare la scena l’uomo, con le sua forza e la sua umiltà.

Ci ha parlato del dovere della contribuzione come strumento di crescita e di solidarietà funzionale al miglioramento della nostra società, con parole semplici accessibili, una semantica asciutta, concreta e rigorosa, priva di retorica ridondante di deittici anaforici o del burocratese melenso, che spesso si addice a tali argomenti;

Vicanolo uomo delle istituzioni pronto alla solidarietà e a metterci la faccia nella sua Nardò, quasi a voler riabbracciare le sue origini e a congiungere i punti di partenza con quelli di arrivo rispetto ad un diagramma di flusso che siamo certo non si arresterà qui e porterà il nostro Generale ad altri meritati successi. Dalla nostra redazione un sincero grazie e buon lavoro!

Lascia un commento