Scuola. Laricchia (M5S): “Non si può continuare con ordinanze all’ultimo momento che generano confusione tra il personale scolastico e le famiglie”

Bari, 3 febbraio _ “Oggi abbiamo ascoltato il grido di dolore del mondo della scuola davanti al quale non possiamo restare indifferenti. L’amministrazione regionale sta sottovalutando la portata del danno culturale e sociale che la possibilità della non frequenza sta causando.

Ci uniamo alla richiesta di tutti i Sindacati di pubblicare i dati di frequenza scolastica che le scuole inviano alla Regione, richiesta che il Presidente  della Commissione Metallo si è impegnato a formalizzare.

Non è possibile continuare con ordinanze pubblicate all’ultimo momento e con una durata estremamente ridotta che generano confusione sia tra il personale scolastico che tra le famiglie”. Lo dichiara la consigliera del M5S Antonella Laricchia a margine delle audizioni in VI Commissione.

 

“È necessario – continua Laricchia – analizzare i dati della frequenza scolastica, calcolare la percentuale di frequenza sostenibile e mettere le scuole in condizione di muoversi in autonomia all’interno di un perimetro ben determinato. Così come è indispensabile promuovere la vaccinazione del personale scolastico. Non si può continuare a fare lo scaricabarile sulle famiglie e cercare di far passare la superficialità in un ambito strategico per le future generazioni come libertà di scelta”.

I commenti sono chiusi.