LE DESIDERATE DEL CANDIDATO SINDACO FALANGONE: DEFISCALIZZARE LE ATTIVITA’ COMMERCIALI AL TEMPO DELLA PANDEMIA . COME NON DESIDERARE LA LUNA …

Come non condividere la desiderata del candidato sindaco Carlo Falangone per , centro sinistra, la defiscalizzazione o riduzione -fate vobis- del carico fiscale comunale sulle attività commerciali locali. Una desiderata che potrebbe entrare nel programma elettorale tanto da convincerci che al netto della resilienza messa in atto dai nostri commercianti  in tempo di pandemia,  sia un azione protesa, con sentita e vibrante partecipazione, a quella visione che va oltre le ideologie di un passato che ha dimostrato come a promesse non è stato mai secondo a nessuno . Altra faccenda, ovviamente, realizzarle visto e documentato cinque anni di amministrazione Mellone e ancora prima di  trentacinque anni di “Ancien Règime” (n.d.r) 

NARDÒ – “La pandemia sta mettendo in ginocchio gran parte delle attività economiche della nostra città. Sarà possibile superare questo lungo periodo di difficoltà solo se ci saranno aiuti concreti da parte dei Comuni, oltre al sostegno da parte del Governo regionale e nazionale”.

 

Il candidato sindaco Carlo Falangone e i movimenti Futuro comune, Nardò progressista e MoVimento 5 Stelle intervengono sulla grave crisi economica vissuta dalle imprese cittadine.

 

“Alla luce delle perdite subìte è necessario dare il massimo supporto al nostro tessuto produttivo attraverso un taglio della fiscalità locale e agevolazioni concrete. Applicare per intero la tassazione significherebbe andare a colpire chi in questa pandemia ha già pagato tanto, sia dal punto di vista economico ma anche umano”.

 

La proposta di Falangone e della coalizione consiste in una serie di provvedimenti di facilitazione tariffaria e fiscale, al fine di sostenere le attività produttive maggiormente esposte agli effetti rovinosi della pandemia in corso.

 

“In occasione dell’approvazione del Bilancio di previsione 2021 formalizzeremo la richiesta di sospensione per tutto il 2021 del pagamento delle tasse che gravano sulle attività commerciali come bar, ristoranti e simili. Chiederemo inoltre di ridurre il carico fiscale dei tributi locali per venire incontro alla grave emergenza economica e sociale che colpisce tutte le famiglie, creando spesso forti situazioni di disagio.

 

A questo scopo dovrebbe essere ridotta la tassa per l’occupazione di suolo pubblico, in particolare per gli esercizi di ristorazione e di somministrazione di cibi e bevande, i quali avrebbero altresì bisogno – temporaneamente e compatibilmente con lo stato dei luoghi e la mobilità – di spazi più ampi, al fine di assicurare il rispetto del distanziamento interpersonale quando saranno allentate le restrizioni, soprattutto nelle nostre marine.

 

Inoltre, dalla drastica riduzione dell’attività di tali esercizi, è scaturita correlativamente una contrazione molto significativa della produzione di rifiuti, che richiederebbe un ridimensionamento delle aliquote TARI.

 

La politica deve dare risposte ai cittadini e noi siamo pronti a dare il nostro contributo per aiutare la città a superare questa crisi nel migliore dei modi. Serve un segnale forte e concreto ai nostri operatori commerciali che hanno già sofferto e pagato tanto” conclude Falangone.

Speriamo possa essere di Vostro interesse.

Un cordiale saluto,

Carlo

Futuro comune

Nardò progressista

MoVimento 5 Stelle

I commenti sono chiusi.