FOGNA, ACQUA E ALTRI SERVIZI, GLI ALLACCIAMENTI PRIMA DEI CANTIERI. Scadenze in vista per chi deve allacciarsi alle reti sulle vie interessate dai lavori

Nardò,23 aprile_ Importanti scadenze in vista per i proprietari di immobili ubicati sulle strade interessate dai lavori di due interventi molto rilevanti come il progetto di riqualificazione della rete viaria della città e come CicloNardò, la rete dei percorsi ciclabili in ambito urbano ed extraurbano.

Due distinte ordinanze del sindaco Pippi Mellone, infatti, dispongono un limite temporale per poter procedere con le richieste di eventuali allacciamenti alle reti ai rispettivi gestori dei pubblici servizi (fognatura, acqua, rete elettrica, rete telefonica, gas, ecc.) in vista dell’imminente apertura dei cantieri e della realizzazione delle opere.

Questo perché gli interventi previsti comporteranno una radicale riqualificazione delle sedi stradali e quindi sarà assolutamente necessario scongiurare, nel breve e medio periodo successivo alla esecuzione, ogni manomissione delle sedi stessi causate dagli allacciamenti. Pertanto, l’invito è a una certa sollecitudine nel procedere, dove necessario, con le istanze.

In particolare, con l’ordinanza n. 146 è stato stabilito il termine del 1° giugno per le richieste di allacciamento per i proprietari di immobili a uso civile, commerciale e/o produttivo di via Due Aie, via Adua, via Cecchi, via Principe di Savoia, via Madonna di Costantinopoli, via Roma, corso Galliano, via Grassi, via Napoli, via Duca Degli Abruzzi, via Regina Elena, via Fieramosca, via Scapigliari, via Volta, via Kennedy (con porzione di via XXV Luglio), via della Resistenza, via Caduti di via Fani, via Montessori, via Ugo Betti, via Bellini, via Pilanuova.

Si tratta delle vie incluse nel piano di manutenzione straordinaria, cioè quelle interessate dai più consistenti flussi di traffico e dove insistono il maggior numero di attività produttive e commerciali, con l’obiettivo di implementare i processi di competitività del sistema produttivo locale, ma anche di aumentare il livello di sicurezza e di migliorare l’aspetto funzionale ed estetico. Per questo intervento la Regione Puglia ha destinato al Comune risorse per 1 milione e 200 mila euro.

Con l’ordinanza n. 147, invece, è stato stabilito il termine del 15 maggio per le richieste di allacciamento per i proprietari di immobili a uso civile, commerciale e/o produttivo di via XX Settembre, via De Gasperi, via Bonfante, via Marinai d’Italia e corso Italia.

Si tratta di una parte delle vie incluse nel percorso di CicloNardò, un grande intervento infrastrutturale che si articola in cinque tratti e che prevede complessivamente una relazione ciclabile continua di 14 km e 400 metri lineari in ambito urbano ed extraurbano. Ciclonardò è un progetto finanziato con le risorse dell’Azione 4.4 del P.O.R. Puglia FESR – FSE 2014/2020.
Sia nell’uno che nell’altro caso, alla scadenza dei rispettivi termini non verranno più rilasciate per i prossimi tre anni autorizzazioni per la manomissione del suolo pubblico funzionale agli allacciamenti.

Gli utenti che faranno istanza di allacciamenti nei termini, dovranno comunicarlo tempestivamente al Comune di Nardò.

I commenti sono chiusi.