Il punto: Interrogazioni continue, l’opposizione del déjà vu

Nardò, 10 settembre _ Con la pistola ancora fumante dalle recenti interrogazioni consiliari, riguardanti, in ultimo, il posizionamento delle opere artistiche del Maestro Dell’Angelo Custode e l’affidamento di altri interventi manutentivi; l’indomito Vice Presidente del Consiglio, si ripresenta sul luogo del delitto.

Lo scenario, per la verità cambia poco, solo l’oggetto ma non i soggetti e la trama appare, per certi versi, identica alle precedenti interrogazioni, fumosa se non poco avvincente.

L’Amministrazione comunale è destinataria, ancora una volta, di un quesito cosi generico che la mancata risposta, sarebbe di per sé una risposta.

Inoltre, il Vice Presidente del Consiglio si ostina a coinvolgere la Prefettura, con modalità che, come insegnano agli studenti del secondo anno di Giurisprudenza, di qualsiasi università italiana, nulla hanno a che fare con le precipue prerogative della Prefettura.

Temiamo che, in via XXV luglio a Lecce, ormai, abbiano dedicato un apposito cassetto per le interrogazioni del Consigliere Marinaci, pardon, del Vice Presidente del Consiglio Comunale di Nardò.

Mettiamo in conto, anche questa volta di dover subire, ahinoi, la reprimenda postuma della penna illuminata di casa Marinaci, quella del germano Prof. Marco; ma, siamo convinti cari lettori, che l’informazione senza brivido non è informazione, per cui ce ne faremo una ragione e magari risponderemo ancora una volta al cattedratico.

Ma veniamo al vibrante contenuto dell’interrogazione consiliare, il presupposto:  <<…rispetto alla procedura di alienazione dell’ex gerontocomio considerato che l’Impresa De Nuzzo & C. Costruzioni S.r.l. ha offerto al Comune di Nardò la somma di euro 1.630.000,00, da corrispondere tramite l’esecuzione di lavori pubblici distribuiti approssimativamente nell’arco massimo di tre anni…>>.

Il Vice Presidente, in sintesi, chiede di conoscere quando verrà emanato il bando per l’affidamento dei lavori relativi al nuovo Palazzetto, considerato che l’art. 191 del codice degli appalti fa riferimento ad un iter ben definito per la selezione dei contraenti la P.A.

E’ evidente, anche dal tenore delle precedenti interrogazioni, che, il Vice Presidente si avvale della consulenza di qualche giurista; e che quest’ultimo o è alle prime armi o proprio disarmato, perché, tendenzialmente, prova a trovare “la c.d. pezza a colore”, il sostegno giuridico alle tesi un po’ confuse dell’interrogante.

Può anche darsi che, l’interprete, cui si è rivolto il Vice Presidente, sia ignorante, nel senso che ignori che, l’amministrazione pubblica, in questione, aveva proceduto già con un un avviso esplorativo finalizzato alla valorizzazione del Gerontocomio, a ricercare, sull mercato, una soluzione di Partenariato Pubblico Privato, che tra le altre cose assente anche la possibilità che la concessione dell’immobile possa prevedere quale corrispettivo l’equivalente in lavori e/o servizi pubblici.

In tal guisa, la partecipazione all’avviso esplorativo, 2° incanto, da parte della De Nuzzo Costruzioni, sempre a voler seguire la novella del Codice degli Appalti, obbliga l’amministrazione alla verifica dei requisiti di ordine generale e quelli tecnici economici afferenti le opere da eseguire e solo in carenza degli stessi o dinanzi all’indisponibilità dell’aggiudicatario, in costanza degli stessi ad eseguire direttamente le opere, si porrebbe il problema posto dal Vice Presidente.

Il quesito è, pertanto, a giudizio della nostra redazione mal posto e lamenta una carenza istruttoria e perviene, per ciò, a conseguenze errate.

Abbiamo voluto offrire, sinteticamente, un punto di vista, che parte dalla documentazione, per la verità accessibile, a chiunque, come è corretto per la trasparenza, e crediamo che una lettura più attenta avrebbe evitato siffatte roboanti iniziative.

Come dare torto a Nietzsche, che considerava il diritto un’arte, in quanto soggetta ad interpretazione, tuttavia,  a restare alla metafora, prima di suonare uno strumento un po’ di solfeggio preliminare non guasterebbe.

 

 

COMUNICATO STAMPA

del Vicepresidente del Consiglio Comunale di Nardò Giancarlo Marinaci

del 7 settembre 2019

Oggetto: Alienazione immobile denominato” ex-gerontocomio” e realizzazione nuovo Palazzetto dello sport in Via Cuoco.

Il vicepresidente del consiglio comunale di Nardò, Giancarlo Marinaci, con una un’interrogazione consiliare urgente a risposta scritta, indirizzata, per conoscenza, anche al Prefetto di Lecce, considerato che l’Impresa De Nuzzo & C. Costruzioni S.r.l. ha offerto al Comune di Nardò la somma di euro 1.630.000,00, da corrispondere tramite l’esecuzione di lavori pubblici distribuiti approssimativamente nell’arco massimo di tre anni.

Considerato, inoltre, che l’articolo 191 del Codice degli appalti (cessione di immobili in cambio di opere) prevede un iter procedimentale che parte dal bando di gara dell’opera da realizzare.

Considerato, infine, che l’Amministrazione comunale non ha fin qui seguito l’iter previsto dal suddetto codice per la cessione di immobili in cambio di opere.

Interroga il Sindaco per sapere:

·Quando sarà bandita la gara per la realizzazione delle opere pubbliche che prevedano, a titolo di corrispettivo, il trasferimento dell’ex-gerontocomio.

·Se è previsto uno specifico bando di gara per la realizzazione del nuovo Palazzetto dello sport in via Cuoco.

·Quali sono i prevedibili tempi di pubblicazione del bando di gara e a quali norme del Codice degli appalti detto bando farà riferimento.

Nardò, 7 settembre 2019

IL CONSIGLIERE

Giancarlo Marinaci

 

COMUNE DI NARDÒ

PROVINCIA DI LECCE

AVVISO ESPLORATIVO

 

Stazione appaltante: Comune di Nardò (LE) – Piazza Cesare Battisti – 73048 Nardò (LE) – Tel. 0833/838305 Fax 0833/838625 – C.F. 82001370756 – P.I. 01133430759;

Procedura di gara: Avviso esplorativo dell’immobile denominato Ex Gerontocomio – 2° Esperimento;

Oggetto dell’appalto: Avviso Pubblico Esplorativo di Manifestazione di Interesse mediante vendita e/o accesso alle procedure ex artt. 164 e ss (Parte seconda del D. Lgs. 50/2016 – Contratti di Concessione) e/o ex artt. 179 e ss (Parte IV del D. Lgs. 50/2016 – Partenariato Pubblico Privato e contraente generale ed altre modalità di affidamento) indicato dettagliatamente nel bando avviso integrale consultabile sul sito del comune al seguente indirizzo: www.comune.nardo.le.it:

Criterio di aggiudicazione: Vedi bando;

Condizioni e modalità per l’invio delle proposte: le intenzioni del partecipante dovranno essere recapitate in busta chiusa all’indirizzo “Comune di Nardò – Area 2 Economico-Finanziaria, Patrimonio, Tributi e Welfare – Via C. Battisti 1, 73048 Nardò (LE)”, mediante R/R, poste private o a mano;

 

Termine per la ricezione delle proposte: entro il 13 giugno 2018;

 

Luogo e data per l’espletamento dell’asta: nel luogo, giorno ed ora comunicati successivamente dal Comune di Nardò;

 

Responsabile del procedimento: Dott. Gabriele Falco.

 

Il bando integrale è visibile presso l’Albo Pretorio del Comune di Nardò (Le), Ufficio Messi – Piazza Cesare Battisti – piano terra – 73048 Nardò (LE) e sul sito ufficiale del Comune all’indirizzo www.comune.nardo.le.it e sulla Gazzetta Ufficiale V Serie Speciale – Contratti Pubblici n. 55 del 14/05/2018.

 

 

Nardò, lì 04/05/2018                                                                                                                                  Il Dirigente

F.to Dott. Gabriele Falco

 

Comune di Nardò
(Provincia di Lecce)
Area Funzionale 2 – Finanze, Tributi, Personale, Patrimonio e Welfare
Avviso Pubblico Esplorativo di Manifestazione di Interesse mediante vendita e/o
accesso alle procedure ex artt. 164 e ss (Parte III del Dlgs 50/2016 – Contratti di
Concessione) e/o ex artt. 179 e ss (Parte IV del DLgs 50/2016- Partenariato
Pubblico Privato e contraente generale ed altre modalità di affidamento)
Oggetto della procedura esplorativa
Il Comune di Nardò intende espletare una manifestazione di interesse finalizzata all’eventuale
successivo Affidamento dei Lavori di Ristrutturazione, Adeguamento, Completamento e
Valorizzazione (anche mediante Nuove Costruzioni compatibili con gli strumenti urbanistici
vigenti) dell’Immobile denominato Ex-Gerontocomio sito a Nardò Via Aldo Moro, civico 87 e
censito al foglio di mappa 116 particelle 1416-1418 con un’estensione pari
a circa 29.500 mq
Per quanto riguarda i vincoli imposti, non risulta, allo stato attuale, che l’area di che trattasi sia
sottoposta a regimi vincolistici di tipo paesistico-ambientale, ma qualora dovessero insorgere, gli
eventuali progetti d ampliamento/ristrutturazione dovranno essere compatibili e soggetti ai
propedeutici nulla osta/autorizzazioni.
Rispetto al vincolo PAI, allo stato attuale, l’area in esame non risulta vincolata né dal punto di vista
della pericolosità geomorfologica, di quella idraulica e neanche rispetto al rischio di frane.
L’edificio ha dimensioni generali in pianta di mt 94.80 x 19.20, per una superficie di mq 1820.16.
Consta di 3 livelli fuori terra, mentre solo una porzione di esso presenta anche un piano
seminterrato. Dalla dichiarata fine dei lavori (1998), l’immobile non ha mai avviato la sua attività
ed ha, anzi, subito un processo di deterioramento sia delle strutture che degli elementi interni già
realizzati (impianti, tramezzature, vetrate, pavimenti, intonaci, etc). L’edificio si presenta ad oggi
strutturalmente definito nelle sue parti e tutti gli ambienti hanno una destinazione specifica che è
quella del progetto originario. Esso però, non essendo entrato mai in funzione, risulta attualmente
fatiscente ed in stato di completo abbandono.
Le opere da realizzare, indipendentemente dalla finalità alla quale la struttura sarà destinata, si
presume possano essere:
 Adeguamento e sistemazione servizi igienici;
 Pulizia, risanamento e rifacimento di intonaci e tinteggiature di superfici interne ed esterne;
 Posa in opera di infissi interni;
 Posa in opera di infissi esterni;
 Posa in opera di pavimentazioni, rivestimenti, battiscopa;
 Revisione ed adeguamento impianti elevatori;
 Revisione ed adeguamento impianto di riscaldamento ad acqua calda;
 Revisione ed adeguamento impianto idrico per acqua calda e fredda;
 Revisione ed adeguamento impianto idrico –antincendio;
 Revisione ed adeguamento impianti elettrici, di terra, di sicurezza e d’ illuminazione;
 Revisione ed adeguamento impianto smaltimento acque nere;
 Fornitura e posa in opera di cabina di trasformazione;
 Allacciamenti
Comune di Nardò
(Provincia di Lecce)
Area Funzionale 2 – Finanze, Tributi, Personale, Patrimonio e Welfare
Prioritariamente il Comune valuterà eventuali proposte di acquisto dell’immobile che dovranno
essere incrementative rispetto alla base d’asta pari ad Euro 1.800.000,00 (unmilioneottocentomila)
giusta stima effettuata dall’Area Tecnica ed allegata alla presente per farne parte integrante.
Qualora non dovessero pervenire offerte di acquisto saranno valutate le manifestazioni di interesse
finalizzate alla ristrutturazione, completamento e rifunzionalizzazione mediante le procedure
previsto dal DLgs 50/2016 parte III e parte IV.
In tale seconda ipotesi saranno considerate comunque preferibili le proposte che prevedano il
passaggio di proprietà finale dell’immobile anche mediante messa a disposizione di servizi
pluriennali e/o con realizzazione di opere/infrastrutture e/o con soluzioni ibride per importi
congruenti con l’importo di perizia (€ 1.800.000,00)
Le proposte saranno valutate da apposita commissione ex DLgs 50/2016 in base a:
 modalità di acquisizione/utilizzo dell’immobile punti 30
(punteggio massimo per trasferimento di proprietà – minimo per utilizzo e rilascio)
 impatto sociale del progetto presentato/finalità punti 20
(punteggio massimo per finalità sociali/sanitarie – minimo per utilizzo a fini esclusivamente
economici)
 disponibilità in proprio o reperibilità delle risorse necessarie all’investimento punti 20
(punteggio massimo per risorse proprie o dimostrabili con pre-accordi – minimo per risorse
da reperire nel sistema pubblico)
 impatto socio-economico sulla popolazione punti 10
(punteggio massimo per acquisizione risorse umane e strumentali sul territorio – minimo per
utilizzo risorse dall’esterno)
 futuri sviluppi derivati dall’eventuale indotto creato punti 10
(punteggio massimo per proiezioni di indotto rilevante sul territorio – minimo per mancanza
di indotto o di scarsa rilevanza)
 tempi di realizzazione dell’intervento punti 10
(tempi della concessione, della realizzazione dell’opera a scomputo del prezzo di base d’asta
o della realizzazione della proposta ibrida presentata)
Le procedure, la tipologia di progetto e la conseguente scelta della modalità di
affidamento/realizzazione saranno valutate da un’apposita commissione e sottoposte alla definitiva
validazione dell’organo esecutivo per l’individuazione del contraente che acquisirà lo status di
“Proponente” con le prerogative previste dal Dlgs 50/2016
Termini di presentazione delle proposte
Le proposte di progetto nei termini sopra evidenziati dovranno essere recapitate entro il 30 giorni
dalla pubblicazione per estratto sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana
Modalità di invio delle proposte
Le intenzioni del partecipante dovranno essere recapitate in busta chiusa all’indirizzo
Comune di Nardò – Area 2 Economico-Finanziaria, Patrimonio, Tributi e Welfare
Via C. Battisti, 1
73048 – Nardò (LE)”
mediante raccomandata R/R, poste private o a mano. Resta in ogni caso a carico del proponente la
consegna del plico senza poter nulla addebitare al Comune di Nardò per eventuali mancati recapiti
Comune di Nardò
(Provincia di Lecce)
Area Funzionale 2 – Finanze, Tributi, Personale, Patrimonio e Welfare
Il plico principale recante le indicazioni anagrafiche del mittente e la dicitura “Proposta di Acquisto
dell’Immobile Ex-Gerontocomio” dovrà contenere ulteriori 2 buste:
Busta A – Documentazione amministrativa contenente
 domanda di ammissione alla procedura
 dichiarazioni previste dall’art. 80 del DLgs 50/2016
 dichiarazione di non essere decaduto dalla possibilità di contrarre con la Pubblica
Amministrazione
 garanzia fideiussoria pari al 2% del valore di perizia dell’immobile (Euro 36.000,00)
effettuata mediante polizza bancaria/assicurativa (organizzazione ex art. 106 del TUB)
o mediante versamento alla tesoreria del Comune di Nardò – Banca Unicredit – filiale di
Nardò da comprovarsi con quietanza indicante come causale: “deposito cauzionale per
l’avviso esplorativo dell’Immobile ex Gerontocomio”; il versamento può essere effettuato
tramite bonifico bancario irrevocabile sul c/c della Tesoreria Comunale codice IBAN
IT12B0200879822000010398683 , specificando la causale sopra indicata.
A riprova dell’avvenuto versamento, il concorrente deve presentare originale della quietanza
di versamento o della dichiarazione di accreditamento del deposito cauzionale.
In caso di fideiussione bancaria/assicurativa, la stessa, a pena di esclusione dovrà:
 avere validità per almeno 180 giorni dalla data di scadenza del termine per la
presentazione delle offerte e comunque sino ad espressa dichiarazione liberatoria
del Comune di Nardò;
 prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del
debitore principale e la rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957 co. 2 C.C.
 prevedere l’operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della Stazione
Appaltante.
E’ esclusa ogni altra forma di garanzia.
Busta B – Documentazione tecnica contenente la proposta di progetto secondo i criteri sopra
evidenziati nel massimo di 20 pagine di formato A4, carattere Times New Roman 11 (eventuali
allegati/disegni/planimetrie non saranno considerati nel computo delle 20 pagine)
Busta C – Documentazione economica (eventuale solo in caso di proposta di acquisto) redatta in
bollo in cifre e lettere (in caso di discordanza sarà ritenuta valida la cifra più alta offerta) al rialzo
rispetto al valore di perizia.
Tutti i plichi dovranno essere in busta chiusa sigillata e riportante sul fontespizio le informazioni
anagrafiche del proponente
Cause di Esclusione
Oltre che nelle ipotesi di esclusione dalla gara innanzi previste nel bando, saranno esclusi coloro:
a) che presentino l’offerta oltre il termine ultimo;
b) le cui offerte non siano confezionate con le modalità previste dal presente bando;
c) che presentino offerte condizionate, o espresse in modo indeterminato o per persona da nominare,
ovvero in diminuzione rispetto all’importo a base d’asta ovvero non sottoscritte dal concorrente;
d) che presentino la documentazione amministrativa priva di una delle dichiarazioni sostitutive o
autocertificazioni prescritte nel bando;
e) che presentino dichiarazioni sostitutive o autocertificazioni prive anche solo di uno dei dati /
informazioni previsti nel bando o negli allegati modelli ovvero dichiarazioni non sottoscritte dal
soggetto che ne ha titolo;
Comune di Nardò
(Provincia di Lecce)
Area Funzionale 2 – Finanze, Tributi, Personale, Patrimonio e Welfare
f) che non corredino la domanda di partecipazione da copia fotostatica di documento di
riconoscimento del sottoscrittore;
g) che non alleghino la procura speciale qualora la documentazione presentata sia sottoscritta da un
procuratore;
h) che non alleghino la cauzione nell’importo o nei modi prevista.
Forme di Pubblicità
Il presente bando di asta pubblica sarà pubblicato all’Albo Pretorio del Comune, sul sito internet del
Comune di Nardò, sul quale verranno altresì pubblicati eventuali precisazioni e/o chiarimenti, per
estratto, sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
Responsabile del Procedimento
Responsabile del procedimento è il Dott. Gabriele Falco – Dirigente Area Funzionale 2
Il Dirigente dell’Area 2
Dott. Gabriele Falco

Avviso_Pubblico_Esplorativo

Lascia un commento