21 STRADE RIMESSE A NUOVO, CONSEGNATI I LAVORI CON UN PROGRAMMA “ANTISTRESS”

Nardò, 21 novembre_ È stata formalmente eseguita questa mattina la consegna dei lavori per gli interventi di riqualificazione della rete viaria della città. Si tratta della manutenzione straordinaria delle 21 principali arterie stradali dell’area urbana, cioè quelle interessate dai più consistenti flussi di traffico e dove insistono il maggior numero di attività produttive e commerciali, con l’obiettivo di implementare i processi di competitività del sistema produttivo locale e il livello di sicurezza e di migliorare l’aspetto funzionale ed estetico: via Due Aie, via Adua, via Cecchi, via Principi di Savoia, via Madonna di Costantinopoli, via Roma, corso Galliano, via Grassi, via Napoli, via Duca degli Abruzzi, via Regina Elena, via Fieramosca, via Scapigliari, via Volta, via Kennedy, via della Resistenza, via Caduti di via Fani, via Montessori, via Betti, via Bellini, via Pilanuova. Ad eseguire i lavori sarà il consorzio Nuzzaci Strade srl di Matera, su un progetto redatto dall’ingegnere Cesare Colazzo, per un costo complessivo degli stessi lavori pari a circa 994 mila euro.
Il cantiere è stato programmato in modo da ridurre al minimo i disagi per imprese e cittadini. L’amministrazione comunale e il soggetto affidatario hanno deciso di iniziare subito con le opere che non interferiscono in maniera significativa con la circolazione e rinviare gli altri lavori alla prossima primavera, evitando quindi la concomitanza con gli altri cantieri (rete ciclabile e rotatoria di via Bonfante, riqualificazione di un’area di corso Galliano, rotatoria all’ingresso della città, Urban Park di via Incoronata). In questa maniera, peraltro, la resa dell’intervento non sarà condizionata dagli agenti atmosferici della stagione invernale. Ad essere immediatamente cantierizzata sarà la riqualificazione (manto stradale e marciapiedi) di via Volta, via Kennedy e il segmento aggiuntivo costituito da via della Resistenza e via Caduti di via Fani (perimetro esterno della zona 167).
Vale la pena ricordare che per questo intervento la Regione Puglia ha destinato al Comune risorse per 1 milione e 200 mila euro al fine di favorire l’adozione di misure di sviluppo dell’occupazione e delle attività economiche, di incremento delle attività industriali e di miglioramento ambientale. La condizione del manto stradale di numerose vie della città, oltre a interferire pesantemente con il decoro e la sicurezza, indebolisce infatti la competitività delle imprese e dei soggetti privati. Ecco dunque il bisogno di un piano di riqualificazione della rete viaria di questa portata.
“Un intervento di questa portata – commenta con soddisfazione il sindaco Pippi Mellone – non ha precedenti nella storia della città. Storia che fino al 2016 è contrassegnata invece da tutt’altro, dall’abbandono della rete viaria urbana ed extraurbana e da sprechi. Riqualificheremo tra pochi mesi le 21 strade più importanti dell’area urbana, dando decoro e sicurezza soprattutto a favore di chi investe, gestisce attività, offre servizi, crea lavoro e ricchezza. Questo intervento, inoltre, ci consentirà di gestire al meglio il servizio manutenzione, che potrà concentrarsi sul resto del territorio. Il tutto senza spendere un soldo dei neritini: grazie al lavoro degli uffici e del mio staff abbiamo ottenuto questi soldi, che non dobbiamo restituire, né adesso, né nei prossimi anni”.
“Questa amministrazione – aggiunge il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Oronzo Capoti – continua a dedicare alle infrastrutture della viabilità un’attenzione enorme, con progettualità, lungimiranza e un importante impiego di risorse che anche in questo caso non provengono dalle casse del Comune trattandosi di s0ldi che la Regione Puglia ci ha trasferito. Nessun altro prima di noi ha avuto il problema di dover calendarizzare i cantieri perché numerosi e contestuali e quindi per evitare di accrescere i disagi. Un segnale eloquente della capacità dell’amministrazione e del fatto che Nardò sta cambiando radicalmente faccia”.

Lascia un commento