• AMMINISTRATIVE 2021 NARDO’

IL TAR LECCE RESPINGE L’ISTANZA CAUTELARE DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS SQUINZANO: LEGITTIMA LA GARA SVOLTA DAL COMUNE PER L’AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL’IMPIANTO SPORTIVO “CAMPI DA TENNIS E DI CALCIO” DI P.ZZA SENATORE PULLI/VIA GORIZIA.

E’ di questi giorni la notizia dell’avvio, da parte della Prefettura di Lecce, dell’iter che potrebbe condurre allo scioglimento del Comune di Squinzano per infiltrazioni mafiosee dell’insediamento della commissione incaricata di esaminare gli atti amministrativi ritenuti a tal fine utili, in particolare sulla gara svolta dal Comune per l’affidamento in concessione dell’impianto sportivo sito tra piazza senatore Pulli e via Gorizia.

Questa mattinail TAR di Lecce si è pronunciato proprio sulla legittimità di questa gara, respingendo l’istanza cautelare che l’associazione sportiva dilettantistica tennis Squinzano aveva richiesto, essendo giunta seconda.

I fatti.Con la delibera n. 71/2019, la Giunta del Comune di Squinzano bandiva una procedura per l’affidamento in concessione,a titolo oneroso, della struttura sportiva composta da campo di calcetto con relativi locali adibiti a spogliatoio di proprietà comunale ubicata in Piazza Sen. Pulli/Via Gorizia, che fa parte del più ampio complesso sportivo unico formato anche dal campo da tennis.La procedura però andava deserta.

Con la seguente delibera n. 146/2019, l’Ente decideva di affidare in concessione anche l’altra parte dello stesso complesso sportivo, costituito dal campo da tennis.

Il responsabile di servizio, con determina n. 525/2019, in conformità alle richiamate delibere di Giunta comunale, bandiva la gara per la concessione dell’impianto sportivo costituito dal campo da tennis e dal campo di calcetto.

Alla gara partecipavano due concorrenti: l’associazione sportiva “New Team Squinzano”, che se l’aggiudicava, e l’associazione sportiva dilettantistica tennis Squinzano, che, giungendo seconda, impugnava al TAR Lecce l’aggiudicazione, contestando che il responsabile del servizio che aveva ricevuto mandato dalla Giunta di affidare in concessione il solo campo da tennis e non anche il campo di calcio, che l’aggiudicataria doveva essere esclusa per essere incorsa in precedenti inadempienze ed aveva beneficiato di una richiesta di integrazioni documentali in violazione del codice degli appalti e che la commissione esaminatrice aveva, immotivatamente, attribuito un punteggio maggiore all’offerta dell’aggiudicataria.

L’Amministrazione Comunale decideva di tutelare le sue ragioni, rivolgendosi all’Avv. Paolo Gaballo. Quest’ultimo, in via preliminare, eccepiva l’inammissibilità della prima censura, atteso che la ricorrente non solo non aveva impugnato la determinazione di indizione della gara, ma vi aveva anche partecipato, prestando quindi acquiescenza. Nel merito, evidenziava che la ricorrente non aveva fornito prova degli asseriti inadempimenti dell’aggiudicataria, che l’amministrazione aveva richiesto a quest’ultima solo dei chiarimenti sul piano di fattibilità economica dell’offerta e la correttezza dei punteggi attribuiti dalla commissione di gara.

Questa mattina il Tar Lecce, Sezione II (Presidente Enrico D’arpe, estensore Giovanni Gallo), accogliendo le tesi difensive dell’Avv. Paolo Gaballo, ha respinto l’istanza cautelare, ritenendo, ad una sommaria delibazione, il ricorso infondato, atteso che: la prima censura, rivolta avverso la determinazione n. 525/2019, il bando ed il disciplinare di gara, appare irricevibile e, comunque,inammissibile, atteso che l’Associazione ricorrente ha omesso di impugnare dettiatti entro il termine decadenziale di 30 giorni e, in ogni caso, dopo che vi avevamanifestato acquiescenza presentando la domanda di partecipazione allaprocedura di gara;parte ricorrente ha mancato di fornire puntuale prova dell’esistenza di formalicontestazioni da parte del Comune di Squinzano in relazione a precedentiinadempimenti di cui si sarebbe resa responsabile l’Associazionecontrointeressata;non pare sussistere la denunciata violazione dell’art. 83 del D.Lgs. n. 50/2016, in quanto nel corso della procedura di che trattasi l’AmministrazioneComunale resistente non ha disposto alcun soccorso istruttorio ma, come risultadal verbale n. 6 del 4.2.2020, ha formulato una mera richiesta dichiarimenti, rivolta peraltro ad ambedue i concorrenti, con riguardo alla fattibilitàdelle proposte (inerenti il Piano di fattibilità economica dell’investimento)avanzate dagli stessi;le ulteriori doglianze formulate con riguardo all’attribuzione dei punteggi daparte della commissione impingono nel merito della valutazione delle offertetecniche la quale, pur espressa in forma numerica, appare, alla luce dellacomplessiva disciplina di gara.., adeguata, pienamentecomprensibile ed immune da vizi di illogicità, irragionevolezza ovvero evidenteerroneità”.

Viva soddisfazione per l’esito di questa fase del giudizio è stata espressa dal Sindaco di Squinzano e dall’Avv. Paolo Gaballo.

Lascia un commento